martedì 4 giugno 2013

Incontro la mia amica Laura...e poi...

Mentre ero al parco con i miei bimbi ho avuto una telefonata da Laura che voleva incontrarmi per parlare al solito bar...

Per fortuna mia cugina mi poteva tenere i figli e quindi mi sono incontrata con Laura al solito bar vicino al parco alle 5 del pomeriggio.

-Ciao Lau...come stai?..-
-Ciao Anna, tutto benissimo, ultima volta però che non ci vediamo così per tanto tempo...già manca solo che hai un terzo figlio e non lo so nemmeno..hahaha..-scherzava lei
-neanche per sogno...!-risposi io
-ma raccontami dai, sediamoci qui..-continuava lei segnalando un tavolo...-questo era il bar del nostro amico...ricordi?..ci sarà ancora?.-
-Marco?..-risposi io
-si Marco, lo ricordi ancora...mmmm...furbetta!..-
Non potevo non ricordarlo dopo avermi fatto scopare da lui tante volte...
-ho seguito i tuoi consigli..-continuavo io..
-ah no, adesso mi racconti tutto...con tutti i dettagli..-mi disse lei..
Cosi cominciai a raccontare dal primo all'ultimo episodio con tutti i dettagli..
-...quindi quando ci siamo viste quella volta ti stavi già scopando il tuo collega?..-mi disse lei..
-eh si...appunto...-continuai io..
-sei grande..che bello...questa è l'Anna che voglio come amica!..grandissima...infatti, ti avevo detto che qualcosa era cambiata in te...adesso sei ancora più gnocca...hahahaha-continuava lei..
-tu non scherzi nemmeno..-risposi io
Allora iniziai a raccontarle l'ultima sera con mio nipote...
-..quindi ti sei scopata anche lui?..-mi chiese lei..
-..si, ed è stato davvero fantastico..-
-...22 anni?...lo voglio conoscere...non essere cattiva...! hahaha, che porca..-rideva di se stessa Laura..
-non so perché ma da quando sono così mi vengono idee pazze alla testa..-continuai io -penso sempre a più e più sesso...-
-è normale, sei una donna...con la testa libera-disse lei
-si, ma mi vengono alla mente scene del tipo film porno...se non fossi la mia amica mi vergognerei e non te lo direi..-
-cioè?...scene di film porno?..non capisco-continua lei..
-beh appena mi hai detto che volevi conoscerlo, un attimo dopo ho immaginato noi due molto sexy in salotto aspettandolo...noi due per lui...hahahaha, adesso me lo dico io..che porca..-
-...ma scherzi?...sarebbe fantastico...come pensi che la prenderà..io ci sto e come..aspetta..!-continua lei e prende il suo telefonino..

-Ciao tesoro..stasera non vengo, facciamo domani? dai ti chiamo io domattina per metterci d'accordo..-

poi subito mette giù..

-ecco..-continua lei..-vedi come si fanno le cose?..ho detto a Antonio che non vengo da lui..è il mio tipo di adesso..-

Lei era davvero veloce e decisa..

-hai qualcosa da prestarmi per indossare?..continuava lei..-non sapevo di dover venire e ho tutta la mia lengerie da Antonio...ho solo un perizoma adesso ed un altro nella borsa..

-ma si, stai tranquilla...non immagini tutto ciò che ho...lo faremmo impazzire-dissi io
-allora cosa aspettiamo?...a che ora dovrebbe arrivare lui?..-
-non lo so, mi ha detto la sera...va beh, dai che vado a pagare e andiamo a casa..-
All'interno del bar Marco non si vedeva...forse era il suo giorno di riposo...
Ho preso la macchina e siamo partite verso casa mentre telefonavo a mia cugina per essere sicura che i bimbi restavano a dormire da lei..
Arrivate a casa, abbiamo scoperto che c'era mio marito...

-ciao...-gli dissi..-ti ricordi di Laura?.-
-ah ciao...come stai, è da tanto che non ti vedevo..tutto bene?.-
-ma si dai...-risponde lei
-Ugo?..Ugo si chiamava vero?..-chiede lui
-Lui bene, penso che sarà a casa...-risponde lei e io subito interrompi con una bugia arrivata al momento giusto
-senti Salvatore, oggi è il compleanno di una nostra amica...solo donne...senza uomini...saremmo circa 6 o 7...quindi...-
-eh lo so...so cosa devo fare...-risponde lui, tra mezz'ora vado via-
-d'accordo...-dissi io..
-e Vincenzo?..-chiede lui
-no, stasera non viene, mi ha detto che doveva far qualcosa con la fidanzata e torna tardi...quindi verrà a dormire penso..tanto ha la chiave...-
-va bene..-rispose lui..
Laura non pronunciava parola ma mi rendevo conto che era stupita da come dominavo la situazione con Salvatore e potevo mentire a lui senza nessun problema..

Mentre lui girava per casa abbiamo parlato dei bimbi, le nostre mamme, le vicende a scuola dei miei figli..ecc..
Appena andato via lui Laura mi disse...

-..ma sei davvero una donna in carriera...grande!...lui si fida ciecamente di te...-
-si, non ci credo neanche io..., o si è rassegnato o non mi crede davvero capace di tradirlo..-dissi io
-beh Ugo è anche così...credo si sia rassegnato...dormo fuori casa spesso e torno a volte dopo 2 giorni ...o butto magari un perizoma rotto nella spazzatura...o tante volte prima di entrare in bagno mi tolgo i vestiti e lui vede che sotto la gonna sono super sexy...all'inizio lo facevo per capire se lui provava qualcosa ma adesso a dire il vero non mi interessa. Solo voglio divertirmi ed essere al meglio per spazzarmela con chiunque mi piaccia...-rispose lei..
-ecco, appunto-risposi io..
-allora..-continua lei...-mi farai fare una doccia spero...-
-ma si, è casa tua...adesso ci prepariamo per Vincenzo...-
-siiiii... sarà una notte molto divertente...-continua lei con faccia birichina...
-dai andiamo, ti faccio vedere..-le dissi io portandola nel mio stanzone...-guarda...ecco, i 3 cassetti dentro l'armadio..prendi tutto ciò che ti piace...nell'altra stanza ne ho ancora..ma poi ti faccio vedere...tu fatti la doccia qui nel bagno della mia stanza, io vado nella stanza degli ospiti...ricorda è casa tua...a dopo..-le dissi andando nella stanza degli ospiti a farmi la doccia anche io.
Uscita dalla doccia indossai un Corsetto decorato in pizzo tipo segretaria..con apertura a bottoni dal davanti, molto delicato e sexy. perizoma, calze, reggicalze e scarpe con tacco 12, tutto colore Ivory...mi sentivo una regina...
Lei invece  indossava un guepiere trasparente che non avevo mai utilizzato, più un perizoma molto sexy calze e reggicalze tutto nero...era bellissima..

-siamo due gnocche...pronte a tutto..-mi dice lei mentre mi guarda..
-si, non vedo l'ora che arrivi..-continuai io...-voglio vedere la sua faccia di sorpresa...hahaha..dai andiamo in cucina...prepariamo qualcosa e beviamo mentre lo aspettiamo...-
-si dai..-

E così entrambe vestite come due regine sexy siamo andate in cucina a preparare un brindisi con lo spumante per aspettare Vincenzo...





mercoledì 24 aprile 2013

Il nipote di mio marito

Dopo la super gang di Giuseppe e i suoi amici, ho impiegato circa una settimana per rimettermi a posto.
Alla fine della settimana ho riabbracciato i miei piccoli tornati dalla colonia e purtroppo mio marito è rientrato il weekend...

Sono stata con i miei figli quasi l'intero weekend...con mio marito solo parlavamo ogni tanto quando lui aveva bisogno di qualcosa..

La domenica sera, dopo che avevo fatto dormire i miei piccoli lui mi chiede di parlare..

-dimmi..-
-come stai?.., non te l'avevo neanche chiesto...-mi chiese lui
-bene grazie..un po impegnata ma bene.-
-beh anche io, la convention è stata davvero noiosa..-
-immagino..-risposi io..
-ti volevo dire....mi ha chiamato Enrico, mio cugino, lo ricordi?..-mi disse lui
-Enrico...., no sinceramente no..-
-Enrico, ti ricordi nel nostro matrimonio, era seduto nel tavolo a destra, quello di Parma..-
-ahh, si, lo ricordo, aveva un bambino..-
-ecco, lui, adesso non ha più il bambino, è già un uomo..Vincenzo si chiama-
-beh immagino..-risposi io
-lo sai che lui mi ha chiamato perché siccome in questi giorni ce la mostra quella al centro congressi..-
-si, quella sull'arte contemporanea..-
-si, mio cugino mi chiedeva se possiamo ospitare il figlio da noi, così lui può assistere...e si risparmia l'albergo..insomma..-
-quanti anni ha ormai?..sta studiando  immagino all'università-li chiesi io..
-22 era un bambino nel nostro matrimonio ti ricordi?..si è all'università studia qualcosa collegata all'arte..appunto-
-si, ma immagino che non hai ancora deciso nulla, dico..dobbiamo parlare no?..-continuavo io
-invece si, arriva dopodomani...-
-ma, scusami, tu non capisci niente...dove lo mettiamo? ti dimentichi che nella stanza degli ospiti dormo io?..vuoi che dormo con lui, perché io al letto con te non torno..-
-dai per una settimana, poi se ne va..-
-assolutamente no...dormo con lui...magari compro un materasso e lo metto per terra nella stanza...-
-si ma cosa racconterà lui dopo..?-mi chiese lui
-beh....cosa racconterà. che ha uno zio cretino che non vuole capire la moglie...e quindi dormono separati..-
-va bene..fai come vuoi...per non fare una figura di merda, dico a mio cugino che io sarò ad un congresso ancora quella settimana, tu dormi nella nostra stanza, sul lettone ed io vado a dormire in albergo..-
-bene, come vuoi, tanto oramai non vivi più qui...i tuoi figli non ti vedono quasi-
-si ma sei tu che non vuoi dormire con me..-continuò lui..
-sei tu che non vuoi dormire con me..-ripetevo io con voce di scherzo..-sei tu che non hai capito nulla...come al solito...-li risposi io..e continuai...-e ti anticipo, non voglio che mi rompi i coglioni approfittando che ce lui e vuoi fare il figo con me.., d'accordo?.-
-d'accordo..-

Dopo di quella conversazione mi ero di nuovo pianificata una bella settimana di sesso con un ragazzo di 22 anni...ero davvero entusiasta immaginando come l'avrei provocato e giocato con lui per 7 notti di seguito con mio marito fuori da casa....
Sono andata al letto immaginando le sorprese che le avrei fatto quando fossimo da soli a casa, e cosa avrei indossato....e ancora una volta mi sono toccata.

Quei giorni prima del suo arrivo sono stati dei giorni normali...dietro i figli, scuola, lavoro..ecc

Mercoledì sera, con un giorno di ritardo dal previsto, arrivò Vincenzo, portato da mio marito dalla stazione..io consapevole mi sono vestita con dei pantaloni bianchi molto aderenti e perizoma piccolo sotto e una camicia, e poi dei tacchi medi. A casa c'erano i miei figli e non volevo esagerare ma volevo capire se lui mi avrebbe guardata..

-ciao zia..-mi dice appena entrato e si avvicina per baciarmi sulle guance..
-ciao Vincenzo, come sei cresciuto, pensa che io ti ho conosciuto quando eri un bambino, adesso guarda che pezzo di uomo sei diventato..-lui sorrideva..e io continuai, mentre lo baciavo sulle guance - ma non mi dire zia, mi fai sentire vecchia, ahaha, dimmi Anna, ti prego..-
Era un ragazzo di circa metro e novanta...un omone...ne magro ne grasso...ben messo, e con il viso molto simpatico...
-Ok Anna, si, io credo di ricordarmi di te, quando hai sposato lo zio, non sei cambiata per nulla...sei uguale..-mi disse lui
-beh..un po più vecchia..-scherzai..-senti allora, vieni, ti faccio vedere dove dormi....resti fino a?.- gli dissi portandolo nella stanza degli ospiti..
-lunedì o martedì, ancora non lo so, deve venire la mia ragazza e allora deciderò dopo..-
-ah, ma non sapevo, viene qui? - ho chiesto io pregando di no..
-no, anche lei ha una zia qui, va da lei, ma ancora ha un esame il venerdì, e quindi...non può venire prima..-
-ahh..-mi sollevai, il mio piano stava funzionando alla perfezione, anche se mi preoccupava che lui fosse troppo fedele alla sua ragazza...comunque ricordai subito le affermazioni di Laura riguardo gli uomini
 -senti ti lascio da solo, accomodati, noi siamo in salotto vieni quando vuoi, è casa tua...-
-ok grazie..Anna..- mi rispose guardandomi il sedere mentre mi giravo per andarmene..

Dopo circa 5 minuti è uscito dalla stanza degli ospiti, abbiamo parlato, cenato, ecc...poi lui è andato nella stanza degli ospiti chiedendo di essere svegliato alle 8.
Come promesso, quando portai a letto i bambini mio marito è andato via, senza farsi vedere da Vincenzo...
Ero da sola, avevo i bimbi a casa ma volevo provarci...quindi quando mi sono assicurata che i bimbi dormivano sono andata nello stanzone e ho cominciato a "produrmi"
Indossai un babydoll trasparente molto sexy, perizoma, calze autoreggenti con reggicalze e scaldabbraccia  di seta..tutto molto sexy e chic..non mi sono messa le scarpe per non svegliare i bimbi con il rumore dei tacchi..ho indossato anche il mio collare di perle che mi portava fortuna, ero caldissima e bagnatissima immaginando la reazione di Vincenzo..e sono andata molto silenziosamente nella stanza degli ospiti...
Apri la porta ed entrai...poi accendo la luce...e lo vedo che si sveglia...
-scusami, ho dimenticato la mia rivista qui...vado via veloce...-
Lui si è alzato nel letto rimanendo seduto sul letto
Io giravo nella stanza facendo finta..
-hai per caso vista una Vanity Fair?..l'ho lasciata qui oggi..-
-no, non l'ho vista..-
io mi giravo nel mobile davanti al letto per far vedere a lui il mio sedere...e lui guardava volentieri..
e allora lanciai il mio colpo mortale...come mi piaceva fare ormai da tempo..
-oggi mi hai guardato il sedere, non credere che non ti ho visto...-
-hm..-fece lui sorridendo ironicamente..
-bene, adesso me lo guardi ancora..., sei un po' furbetto..-gli dissi mentre mi avvicinavo al letto
A quel punto ero già bagnatissima e disposta a tutto...
-lo vuoi sapere?..-continuavo io -tuo zio non ce, i bimbi dormono...e io sono una donna decisa a provare sensazioni con un ragazzo di 22 anni...conosci qualcuno?..- gli dissi mentre lo guardavo agli occhi...
Lui non diceva nulla...allora mi sono avvicinata e cominciai a baciarlo sulle labbra, molto sensualmente..
Lui era un po' sconcertato ma non mi evitava...
-ho voglia di te..-gli dissi all'orecchio...abbracciandolo leggermente...
Lui iniziava a muoversi e a reagire al mio avance...
Ci siamo ancora baciati per un paio di minuti mentre togliendo le coperte portai la sua mano nelle mie tette e la mia nel suo cazzo, notando che era duro come pietra...
-mmm, che ragazza fortunata è la tua ragazza, sei così tenero e carino..-gli dissi mentre lui con l'altra mano iniziava ad accarezzarmi il sedere...
-si, fai tesoro...sono tutta per te..-gli dicevo mentre lui era già completamente a mia disposizione...
Tolsi le coperte lasciando lui davanti a me solo con il boxer...
-mmm, tesoro, adesso voglio vederlo..-gli dissi guardandolo agli occhi e tirando giù il boxer...-
All'inizio non l'avevo notato ma lui aveva una dotazione molto grande...
-tesoro..lui è bellissimo..-gli dissi mentre iniziavo a prenderlo con la mano e a sentirlo e lui iniziava a sentire il mio calore..
Il suo cazzo era davvero grande...più di 22 cm, largo, e duro come pietra...
Iniziai a giocare con la mia bocca, disposta a farlo impazzire...anche se potevo leccare solo una parte.. non potevo assolutamente tenerlo tutto in bocca..dovevo andare su e giù con la lingua per leccarglielo tutto

-mmmm..-sentivo dire a lui...
-ti piace tesoro?..-dicevo mentre mi gustavo quel cazzo durissimo...
-si, molto -mi disse mentre tirandosi in avanti mi fa capire che con la mano voleva toccarmi la figa..
a quel punto  mi girai mettendomi in posizione 69 lasciando a lui tutta me a disposizione..
Come un vero esperto spostando il perizoma inizio a leccarmi la figa come lo sapevano fare in pochi..era fantastico...non credevo davvero che fosse possibile..in un minuto mentre letteralmente mi mangiavo il suo cazzone avevo avuto il mio primo orgasmo...mentre lui insisteva con la lingua e le dita facendomi esplodere dal piacere...
Mi facevo sotto e sopra...e lui se ne rendeva conto....mangiavo sempre di più il suo cazzone infilandomelo in bocca tutto il possibile mentre lui giocando nella mia figa mi faceva davvero impazzire generandomi colpi di piacere che mi facevano tirare la testa indietro e scuoterla perdendo il controllo assolutamente...ero posseduta da quel ragazzo che era strepitoso...e solo me la stava leccando...

A un certo punto mi sono fatta in avanti e mi sono seduta infilando tutto il suo cazzone nella mia figa...e lui fece un piccolo gemito..
-shhh, tesoro, non fare rumore...-gli dissi mentre ero piena di quel grande cazzone tutto dentro la mia figa
-scopami in silenzio...-continuavo..mentre facendomi in avanti ho notato che lui alzava la sua testa guardandomi il sedere salire e scendere...

Scopavamo in silenzio mentre lui ancora sdraiato sotto di me mi teneva dalle chiappe per farmi salire e scendere mentre guardava la penetrazione alzando la testa...

Lo sentivo godere tantissimo mentre io ero letteralmente al settimo cielo con tutto quel cazzone dentro la mia figa...entrambi comunque ce la godevamo in silenzio...solo il letto faceva un po' di rumore mentre andavo su e giù...

A un certo punto lui inizio ad accelerare mentre io ho capito che stava per venire e allora mi sono mossa accompagnando lui nei movimenti mentre lui mi spingeva in giù con le mani sulle mie gambe alzandosi leggermente per farlo entrare ancora più profondo...finché l'ho sentito venire...

-ahh, ahh..-faceva lui...
-shhhhh, tesoro...piano..-rispondevo io mentre mi mordevo le labbra per non urlare dal piacere

Quando abbiamo finito e lui si è completamente svuotato, sono uscita alzandomi..

-ti è piaciuto tesoro?..-gli chiesi.
-si, molto, non ho parole..-mi rispose.
-ok, ascolta oggi la finiamo qui..., a domani.-gli dissi e andando verso lo stanzone ho chiuso la porta

La mattina dopo alle 8 sono andata a svegliarlo mentre ero già attiva da un bel po' con i bambini che si preparavano per iniziare la giornata.

Appena i bimbi si sono messi a giocare sono entrata nella stanza degli ospiti e mentre lui si cambiava gli dissi..

-ascolta tesoro... stasera se per te va bene, dopo chetuo zio se ne va, mando i figli da mia cugina...e restiamo da soli tutta la notte...cosa ne pensi?..-
Lui non rispondeva nulla..e sorrideva
-spero che la tua ragazza non sia troppo gelosa..-continuavo io mentre lui ancora sorrideva in silenzio
-ok tesoro, lo prendo come un si, adesso vado al parco con i bimbi, ci vediamo più tardi..-

E così sono andata via lasciando lui da solo a casa...sapevo che dopo doveva uscire e quindi non sono tornata subito per essere sicura di non ritrovarlo, e così è stato.

Rientrata  a casa a mezzogiorno ho fatto da mangiare i miei piccoli mentre immaginavo la nottata di sesso sfrenato con Vincenzo...






mercoledì 24 ottobre 2012

Giuseppe ei suoi amici...

Dopo circa mezz'ora lui è uscito al giardino mentre io prendevo ancora il sole con il perizoma e null'altro e il sedere verso il sole sul mio sdraio leggendo la mia Vanity..

-ecco, tutto sistemato..-mi disse lui -Non ti anticipo nulla, solo che alcuni possono arrivare dalle 8, altri possono venire più tardi..perché hanno da fare..-
-tuo nipote?..-interrompi io
-si, mio nipote viene..-
-siete tutti sposati?..-
-si, tutti, Stefano è separato e convive ancora, ma si, tutti..-
-ok..non voglio sapere altro...-
-Portano loro del Sushi, quindi non ti devi preoccupare di cucinare per tutti..-continuo lui
-grazie..., davvero..anche se non mi dispiace essere il centro dell'attenzione mentre cucino molto sexy...poi mi dite quanto avete speso però...-
-sei pazza? sei la nostra regina..-
-Voi siete i miei ospiti, mica sono una delle vostre puttane, non permetterò che mi pagate nulla, neanche per mangiare, offro io, da mangiare e da bere..e non voglio discutere..d'accordo?.-
-bene, non discuto, dico solo che non sono d'accordo...-
-non mi interessa, è casa mia...quindi voi siete ospiti..-
-bene..-
-vieni..-gli dissi prendendo il flaccone di crema protettiva -spalmami un po' di crema nella schiena che il sole inizia a farsi sentire..-
-prendi sempre il sole?..-mi chiese lui mentre mi spalmava..
-quando posso, si..., per ché?..-
-perché ce una bella diferenza tra la pelle abbronzata e quella bianca naturale.., vuol dire che ti abbronzi spesso.-
-intendi a dire questo?..-gli dissi spostando il perizoma con la mano togliendolo da dentro del sedere e spostandolo verso sinistra..
-si, esatto..-
-se non  l'hai capito, sono appena tornata dal mare, usavo un costume un po meno stretto di questo che è un perizoma..e quindi per quello si vede la diferenza...scendi..-, gli dissi facendogli capire che doveva andare verso il sedere e mi sono alzata togliendomi il perizoma..-spalmami la crema sul sedere...-
-Avrai avuto tanti sguardi addosso al mare..immagino-disse lui
-non lo so, ero concentrata sul mio bagnino..-
-un bagnino?...hai conosciuto un bagnino?..-
-si, non uno, ma tre..-
Lui iniziava a spalmarmi la crema nel sedere mentre con la mano ogni tanto sfiorava il bucco andando con le dita vicino senza dire nulla
-...e prima che me lo chiedi..-continuai io..-si, sono stata con tutti e tre..-
-beh, quello l'ho capito subito- mi diceva mentre mi spalmava ancora anche se di crema non c'era più..-che bel culo che hai...-continuo lui..-scusami, non posso evitarlo...è bellissimo..-continuava ancora mentre mi spalmava ancora la crema..
-alzati..-gli dissi io..-vieni-continuai facendoli il segno con la mano...
Quando lui si è avvicinato, li tirai giù lo slip...-io sono nuda adesso, allora lo devi essere anche tu..-
-...mmm, e lui è già duro...-gli dissi  guardandolo agli occhi e portando la mia mano verso il suo cazzo caldo...
Poi mi sono alzata dallo sdraio e prendendolo dalla mano lo portai nello stanzone..
-sdraiati tesoro..-gli dissi....
quando lui era sdraiato con il cazzo verso il cielo ho cominciato a succhiarlo...dolcemente ma molto decisa...lo volevo cavalcare...
Quando capi che era sufficientemente bagnato, me lo sono infilato dentro la figa sedendomi su di lui in maniera decisa, mentre mi muovevo su e giù...
-scopami tesoro...-
-si troia, ahhh..come ti piace il cazzo troia..-
-si, mi fa impazzire...-continuavo io mentre lo cavalcavo e mi toccavo...
-girati troia..-mi disse lui dopo togliendomi e mettendomi a pecorina...e mettendosi dietro di me, dopo di darmi un paio di sculacciate, mi penetra la figa e mi prende dai fianchi mentre sentivo i colpetti delle sue gambe contro le mie chiappe...
-in questa posizione sei stupenda troia..., con quel culo..-continuava lui mentre mi scopava...
Mi sentivo sempre più porca, posseduta da lui..
Non parlavamo, solo cercavamo di godere...sentivo a lui molto agitato mentre mi teneva dai fianchi spingendomi avanti e indietro  mentre accelerava i suoi colpetti ancora e ancora..
-co me sei tro ia..-continuava a dirmi mentre stentava a parlare intanto che si muoveva sempre più velocemente...
-ahhh, si, si....vengo..girati..girati..-e tirando il suo membro fuori dalla mia vagina mi prende dai capelli girandomi e venendomi sul viso, bocca, capelli...ecc
Sono rimasta piena del suo sperma dapertutto, in bocca una buona quantità...ma anche sulle lenzuole, il letto, i cuscini...era finito ovunque...
Dopo che ha finito di scaricarsi completamente, ho iniziato a succhiarlo ancora, mettendolo in bocca e giocando con la mia lingua per pulirlo tutto fino all'ultima goccia..
-sei davvero porca....mi piaci così troia..., avrai davvero tanti cazzi per te più tardi..-
-non vedo l'ora..-gli risposi io mentre continuavo a succhiarlo..
Ho continuato a farlo per una ventina di minuti...e poi ci siamo entrambi sdraiati sul lettone a guardare il nulla..
Dopo un paio di minuti di silenzio gli chiesi..
-...conosci bene i gusti dei tuoi amici?..-
-non sono amici..sono colleghi..-
-d'accordo..ma gli conosci bene?..-
-in che senso?..-
Allora mi sono rimessa in piedi e ho aperto l'armadio dello stanzone e svuotato letteralmente sul letto il mio casetto pieno di biancheria sexy....
-mamma mia...ma quante cose hai?..-mi chiese lui cercando tra le mie cose...
-e ancora manca...aspetta...-
Allora sono andata alla mia stanza (quella degli ospiti) e portai la borsa con le altre cose...buttando anche quelle sul letto e poi tirai fuori 3 paia di sandali dei più sexy che avevo con tacco altissimo..
-...allora dimmi...-continuai..-vorrei aspettarli con qualcosa da lasciarli senza parole...-
-...qualsiasi cosa indosserai di tutte queste, secondo me, puoi far impazzire chiunque...-
A quel punto mi è venuta un'idea che mi faceva sempre eccitare moltissimo...
-allora, visto che abbiamo un po di tempo, le indosso per te e tu mi dici...quello che ti piace di più.., ma prima vado a lavarmi che sono tutta appiccicosa...- così sono andata in bagno..
Uscita dal bagno dopo circa 5 minuti, scopro che lui aveva scelto e abbinato alcuni completi..
-..vedo che sai fare..., hai già scelto tu allora...-gli dissi mentre lui sorrideva
-..si, queste due, secondo me ti stanno da dio..-mi disse segnalando due completini che a me piacevano molto..
-..allora resta li...torno subito...porto anche le scarpe...ahh aspetta, le calze..ecco, aspettami, non ti muovere..-gli dissi andando di corsa in bagno
-e chi si muove?..-rispose lui vedendomi entrare in bagno..
lo indossai e dopo alcuni minuti, mi guardai allo specchio...mi sentivo una porca...ero davvero sexy..
Il completino era nero, uno string molto sexy con pizzo, una chemisse in tessuto nero transparente con reggiseno aperto..poi le calze autorregenti con i reggicalze abbinati (oramai protagoniste di ogni mia avvventura sexy) e i sandali con tacco 12 neri..mi sentivo una vera regina...
-tatatatannnnn...-sono uscita dal bagno verso la stanza...
-sei stupenda..mmmm...-
E poi facendo un giretto per farlo vedere anche da dietro...
-dici che questo perizoma può andar bene, o meglio quest'altro?..-gli chiesi scegliendo uno ancora più sexy tra quelli che erano sul letto..
-vediamo...mmmmm...lascia quello..-mi disse lui dopo che l'ho sostituito...-sei stupenda..davvero unica..-
-grazie...sei molto gentile..-
-vieni con me in cucina?..-gli invitai..
-certo..-
E prendendolo dalla mano lo portai in cucina...
-devo vedere se ho spumante, metterlo in frigo, ecc...e poi qualche stuzzichino...voglio che stiano tutti al meglio..-
-ma lascia perdere...spumante si, forse...ma poi per il resto...devvero, non preoccuparti..-
-ma cosa diranno poi loro se vengono qui e gli tratto male...dai..-
-..tu non ti devi preoccupare...lo sai che non riesco a smettere di guardarti?..-mi disse lui
-allora non farlo...-gli risposi
-ti violenterei qui se non fosse perchè lui si deve riposare un po adesso..-mi disse lui guardandosi sul cazzo.
-te lo farei fare anche io..ma lo so...avremo tempo comunque tesoro...- e prendendolo dalla mano lo portai in saloto sedendoci entrambi sul divano...lui ancora nudo, io invece una regina sexy...


Sono passati circa tre quarti d'ora a parlare...lui mi raccontò ancora del suo lavoro, gli amici, ecc...

Intano lui riceve una telefonata.

Era uno dei suoi colleghi che stava arrivando in macchina con altri 2.

-stanno arrivando..-mi disse lui
-ok, vado a prepararmi...sono in 3 vero?.-
-si, dopo vengono il resto, non ci saranno tutti comunque, perché alcuni non potevano.-
-ok...non voglio sapere, mi basta sapere che sono più di 4-
-si, quello si..-
-ok..bene...-
-si può lasciare la macchina la fuori per strada? mi hanno chiesto..-chiese lui
-si, ce la striscia blu, insomma, basta pagare..-rispondevo io mentre mi preparavo nello stanzone...-ma li hai detto l'indirizzo? sanno come arrivare?.-
-si, si, tutto sistemato.-
-bene...-continuavo io dallo stanzone..-mi fai un piacere?, dentro del frigo c'è dello spumante e sulla destra sopra nel mobile della cucina ci sono bicchieri..insomma, dai, metti tutto sul tavolo del salotto..-
-ok, no problem..-

-Eccomi..- sono apparsa in cucina dopo un po' mentre lui andava e veniva
-Mamma mia..., sei uno schianto..-
-grazie..-

Ero davvero bella. Vestitino bianco trasparente tipo dress, tutto aderente e a rete, reggicalze bianche, calze molto raffinate bianche, perizoma di pizzo e sandali bianchi con tacco 15.

-pensi che ai tuoi amici piacerà?.-gli chiesi prendendo una bottiglia di spumante
-penso che li farai impazzire...-
-va bene...-gli dissi mentre portai la mia mano nella figa davanti a lui e cominciai a toccarmi..ero già caldissima...volevo tutti intorno a me...un calore mi copriva tutto il corpo intanto che mi masturbavo davanti a lui eccitandolo...
Ero sempre più agitata...
-ascolta..-continuai io con la voce sconvolta dall'eccitazione...-io vado al lettone tesoro...fai te, apri te ai tuoi amici...- non ce la facevo più, avevo un'eccitazione molto più forte delle solite, avevo bisogno di masturbarmi fino a svenire...e allora mi sono seduta sul lettone bevendo direttamente dalla bottiglia mentre lo facevo intensamente...ero già fuori di testa...
Mentre mi masturbavo ho sentito suonare il campanello e ho sentito lui andare ad aprire...e quindi sono saltata dal letto per andare a salutare i suoi colleghi...

-ben arrivati..-gli salutai mentre avevo già sistemato il vestitino per stare al meglio -piacere, sono Anna..- dando la mano a 3 bellissimi uomini sulla cinquantina..
-bene..-dice giuseppe - questi sono Stefano, Enrico1 e Enrico2
-piacere...eccomi-gli dissi mentre mi facevo un giretto per farmi vedere bene- è casa vostra...io sono nella stanza in fondo..- e sono andata via guardandoli e muovendo bene i fianchi

Dopo circa 1 minuto sono entrati due di loro, mentre io ero seduta sul divano dello stanzone ancora una volta toccandomi...-venite...-li dissi chiamandoli con la mano mentre mi inginocchiavo sul tappeto davanti al divano..
Uno era già in slip, l'altro ancora con i pantaloni..
-dai ragazzi, rilassatevi...sono tutta vostra e abbiamo tutta la notte..-li dissi mentre iniziavo il mio "lavoro" e entravo in contatto con i loro cazzi..
Ho cominciato a succhiare uno alla volta mentre sono entrati gli altri due nudi, e allora hanno cominciato a baciarmi e toccarmi dappertutto buttandomi spumante sulla bocca mentre io tentavo di berlo...intanto scoppiavo letteralmente della voglia di essere violentata e mangiavo letteralmente a turni i 4 cazzi...ero già persa e posseduta dal piacere e non riuscivo a riconoscere più nulla, volevo solo cazzo e più cazzo..e continuavo a bere spumante...
Ho sentito altre due volte suonare il campanello e come "padrone di casa" è andato sempre Giuseppe ad aprire la porta...
Sono arrivati in tutto 10 uomini, compreso il nipote di Giuseppe.
Mi sono ubriacata oltre a fare sesso con tutti per ore e ore..mi hanno penetrato tutti il sedere e la figa...ho succhiato a tutti e sono venuti più volte in bocca e in faccia, oltre a fare tutto ciò che hanno voluto con me.
Ero talmente ubriaca (non solo io) che ricordo certe immagini di me stessa intanto che ero una macchina di scopare...
Sul divano del salotto con uno sotto che mi scopava la figa, uno sopra che mi scopava il culo, altri tre davanti e uno mi prendeva dai capelli...mentre tentavano di farmi una "doppia" anale...
In giardino a pecorina che mi sculaciavano, uno di loro molto porco, mentre in vari mi facevano il sedere a turni...
Io sdraiata e tutti venendomi sui capelli, bocca, occhi, faccia...ecc
Uno che mi prendeva dai capelli e mi spingeva la testa nei cazzi di altri 5 o 6 e mi faceva soffocare ad ogni colpo...
Sono stata maltrattata, ubriacata e violentata a dovere..da  tutti...

Mi sono svegliata il giorno dopo, verso mezzogiorno...ero sul lettone, nuda..
Appena mi sono mossa per sedermi ho sentito il sedere che mi bruciava...mi sono toccata e ho scoperto che avevo uno dei vibratori dentro, quello più grande...lì ho capito che avevano fatto con me tutto ciò che avevano voluto, compreso andare all'altra stanza e prendere i miei vibratori...ero completamente disfatta...con qualche dolore ho tolto il vibratore dal sedere oramai secco e sofferente...mi sono messa in piedi e mi faceva male dappertutto..
In casa non c'era nessuno. La casa era un vero disastro. Tutto buttato per terra, sporco, c'era sperma secco ovunque...il mio vestito rotto e sporco per terra...la mia biancheria buttata dappertutto (ho capito che avevo indossato per loro di tutto...avevo un vago ricordo)..
Ho preso il cellulare e ho capito che Giuseppe mi aveva chiamato più di una volta durante la mattinata...allora lo chiamai e scoprì che tutti erano andati via verso le 7 del mattino, lui mi ringraziò e mi disse che ero davvero unica e che non aveva mai visto una donna così in vita sua. Ci siamo salutati promettendoci di rivederci.

Sono andata a farmi la doccia e poi mentre ancora avevo mal di testa ho messo in ordine la casa.
Purtroppo non ricordo bene la serata perché ero ubriaca, ma da quanto mi disse Giuseppe ero stata fantastica e loro si sono divertiti...alla fine era quella la cosa importante...






Notte a casa insieme a Giuseppe...e altri..

Mentre ero sotto la doccia e mi toccavo, pensavo come vestirmi dopo per farlo impazzire ...
Sono uscita dalla doccia, entrai nella mia stanza e dal cassetto della mia biancheria indossai una mutandina brasiliana molto sexy ed una canottiera di notte, semi trasparente.
Sono tornata in giardino e lui era ancora lì..
-sei ancora qui?-gli chiesi sorridendo
-si, prendevo un po d'aria.., guau, come sei sexy...-
-grazie, ma sei tutto bagnato..hai anche le mutande bagnate..hahaha..-gli dissi ridendo, e continuai..-dai, vai nella stanza di mio marito, la prima a destra, nell'armadio ci sono dei vestiti puliti e asciutti, fai come a casa tua...te l'ho già detto..-
-grazie davvero, ma quanti anni ha lui?..-
-l'età non c'entra, come taglia sei più o meno simile...-
-ma dimmi quanti anni ha...-mi rispose lui mentre entrava nella stanza
-lui 40...tu?-
-io 59..-
-59?..li porti benissimo, davvero, io invece 34..-
-sei giovanissima, ma da quanto siete sposati?.-
-quasi 11 anni, avevo 22 anni.., poi sono rimasta incinta subito.-
-quindi avete 1 figlio?.-
-no due, maschio e femmina..il maschio 8 la femmina 9..-
-che bello...e come mai una donna così bella, con questa bella casa, due figli e una vita benestante è vestita così sexy davanti a un uomo sconosciuto, quasi 60 enne e poi come mai quella donna..?-
-come mai te la sei scopata?..-lo interrompi io -come mai allora un uomo benestante come te quasi 60 enne si è appena fatta una donna che avrebbe potuto essere sua figlia e resta ancora in casa di quella donna sapendo che la scoperà ancora?.-continuavo io
-hai ragione...meglio non chiedere certe cose..., mi piace molto il tipo di donna che sei...sei molto decisa e hai le cose molto chiare..-
-posso chiederti di tua moglie?..-gli chiesi io
-cosa vuoi sapere?.-
-non lo so...intanto la sua età.-
-57, casalinga anche se abbiamo la colf...non ha il tuo stile però..-
-sarebbe?..-
-sarebbe che non è mai stata davanti a me così sexy..-
-mica io sto davanti a mio marito vestita così sexy...-gli risposi io.
-ok, ma voglio dire, non l'ho vista mai così...sempre molto pacata, molto moderata, insomma una donna che non si sbilancia mai...molto meno sul sesso, che è quasi una parola vietata..-
-quindi, è completamente infelice..-gli risposi io
-forse no, magari sta bene così..-
-credimi che qualunque donna vorrebbe far la vera donna...ma le credenze sono troppo forti..magari sua mamma le ha trasmesso dei valori di verginità..e quelle cavolate..-gli dissi
e continuai..-beh, lasciamo perdere, figli?.-
-si, uno, ha quasi la tua età, vive in America..-
-ma tua moglie sa che la sera vai a cercare troie?..-gli chiesi in maniera provocativa..
-non penso...comunque lei non me la da e quindi qualcosa devo fare..-
Mentre parlavamo lui si è tolto il suo slip bagnato e si stava per infilare uno di mio marito facendomi vedere il suo sedere..
-e quante troie hai incontrato?...-continuai io..
-non direi troie..-diceva lui mentre finiva di indossare lo slip di Salvatore ..-sono amiche, mie e dei miei colleghi..-
-non capisco...amiche?..-
-si, cioè, non sono troie, a volte ci sono anche alcune, ma sono un gruppo di amiche nostre che paghiamo ogni mese e sono a disposizione nostra..-continuava lui
-no no no..continuo a non capire..-continuai io..-fammi capire..tu e un gruppo di uomini...-
-si, tutto il consiglio direttivo..-mi interrompe lui..
-quindi, voi del consiglio direttivo, avete diciamo un harem...o qualcosa del genere..-chiesi io
-hahahaha, se lo vuoi vedere così...si, sarebbero donne a cui paghiamo la loro casa e uno stipendio e loro sono li per noi..sono anche accompagnatrici-
-beh...per me quelle sono troie...con tutto rispetto..-gli risposi io
-si, lo sono affatto, ma sono le nostre troie diciamo..-
-e voi quanti siete?..-gli chiesi io
-In tutto siamo 13...e le donne sono 5..-
-interessante, ma scusami..-chiesi io continuando l'interessante chiacchierata..-cosa facevi quella sera alla ricerca se hai già un harem per te...?.-
-è vero, ma quella sera eravamo già stati con loro e cercavo altre per strada...-
-ahh, sei uno che si da da fare...-risposi io..
-beh, le belle donne mi piacciono..-
-questo l'ho capito...- continuai io, e poi feci una pausa e ripresi...-allora siete 13 come te al consiglio direttivo?..-
-si..-
-mmmmm, tutti della tua età? e con i tuoi gusti?...-
-beh, ce anche mio nipote, figlio di mia sorella, ha 37 anni.., lui è il più piccolo diciamo..-
-e gli altri?..-
-beh, siamo in due con 59, il resto sui 55 alcuni 50...insomma... -mi raccontò lui
La cosa iniziava a eccitarmi in maniera molto forte...allora continuai..
-non sono mai stata con 13 uomini insieme..-
-no? quindi vuol dire che sei stata con più di uno alla volta..-
-si.-risposi io
-posso sapere quanti?..-
-massimo 4, per il momento..-
-per il momento?..vuol dire che proverai ancora con più uomini?..disse lui..
-13 forse?...-risposi a lui con sorriso e sguardo di complicità..
-sei troppo figa...ma non ti condivido con loro, tu sei mia...-
-sbagli, io non sono di nessuno e sono di tutti allo stesso tempo..-risposi io
-si, volevo dire, non voglio che i miei colleghi ti conoscano..-
-io invece si..-lo interrompi io..
-tutti e 13?..-rispose lui un po' preoccupato..
-per che no?...forse non tutti alla volta..-risposi io continuando a stuzzicarlo..
A quel punto sono uscita da casa verso il giardino tornando nello sdraio..
Lui arrivò poco dopo...ed io ripresi la mia mission..
-quindi?..-
-quindi?...-rispose lui..
-beh, potrei avere più ospiti a cena stasera, se ti va...a me piacerebbe molto..-
-ma è diverso con te..-mi risponde lui..
-diverso?.., non direi...non mi paghi uno stipendio, sono completamente gratis..quello vuoi dire?.-
-vuoi che chiamo alcuni colleghi?..-
-si, certo, tuo nipote per primo...poi scegli tu...-
-e quanti vorresti..?-
-vedi tu..-
-da che ora...?-
-non devo uscire, quindi possono arrivare anche adesso..abbiamo tutta la notte...ma non voglio sapere quanti...fai tutto tu..io sono una regina, e le regine si fanno fare tutto dai suoi servi- risposi io con voce sensuale
-d'accordo...avrai una notte che non dimenticherai mai più...da vera regina-
-non vedo l'ora...vostra regina e serva allo stesso tempo-
E così lui ha presso il suo telefonino e si è allontanato in salotto a parlare con i suoi colleghi mentre io mi sdraiavo nuda a continuare a prendere il sole..facendo finta di nulla, ma ero già agitatissima..





mercoledì 18 luglio 2012

Incontro con Giuseppe...e non solo.

Quella mattina dopo la colazione i bimbi sono andati alla piscina in giardino e io sono rimasta da sola in cucina. A mezzogiorno dovevo portarli alla colonia e poi tornare a casa.
Avevo addosso solo il pigiama ed ero nuda sotto. Non potevo smettere di pensare al incontro di quella sera con Giuseppe e iniziavo a bagnarmi pensando!. Decisi allora di chiamarlo..

-pronto-
-pronto...che sorpresa!.., un attimo solo..-
-si..-
è passato circa mezzo minuto e poi lui
-scusami, ero in riunione di consiglio direttivo.., ma nulla è più importante di te adesso..-
-mmm, grazie, ma se vuoi ti chiamo dopo, non voglio disturbarti..-
-assolutamente non disturbi..dimmi, accetti?.-
-si, chiaro, ma ti chiamavo perché pensavo, siccome non so i tuoi gusti, cosa ti piacerebbe che indossasi stasera..?
-mamma mia che domanda...non lo so, ho notato che avevi le gambe molto belle, quindi vedi tu...ascolta, dove sei?...-
-a casa..-
-sola?..-
-no con i bimbi..-
-ahh, peccato..-
-li porto alla colonia, all'una dovrei essere qui di nuovo.., cosa hai in mente?..-
-ti piacerebbe anticipare?, io ho delle riunioni ma sospendo tutto...se tu mi dici che sei libera...possiamo venire da me, o forse...-
-facciamo così-lo interrompi io subito-ti ricordi dove mi hai incontrato?, circa 100 metri prima ce una villa a due piani..quella è casa mia..-
-si..-
-alle 2?..-gli dissi io
-non ricordo se si può parcheggiare in zona?..-
-chiamami quando stai per arrivare che ti indico come fare..-
-fantastico, alle due arrivo, torno in riunione..baci..-
-a dopo-


Erano già le 10 allora decisi di cambiarmi, sistemarmi un poco e iniziare a preparare i zaini dei miei figli. Verso le 11 avevo finito. In quel momento quando stavo per sedermi a leggere la mia Vanity sento arrivare un sms:
-ciao..scusami ma sono molto agitato, mi chiedo come sarai vestita per aspettarmi...-

la mia risposta è stata:

-ciao caro, devo davvero essere vestita? peccato ;-)-

e subito lui

-non ho parole.., a dopo.-

Ho letto per circa mezz'ora la mia rivista mentre ascoltavo la radio e poi ho tirato fuori dalla piscina i bambini. Alle 11:45 siamo partiti verso il club e lì li aspettava l'autobus che portava una quarantina di bambini in un camping per tutta la settimana fuori città

Sono rimasta fino alla partenza dell'autobus per salutare i miei piccoli e poi sono tornata a casa di corsa e sono andata subito sotto la doccia. Sotto la doccia ho pensato come aspettarlo e immaginandolo mi sono toccata  fino a venire per 2 volte..

Avevo l'idea di aspettarlo sdraiata prendendo il sole in giardino...
Uscita dalla doccia erano circa l'una. Il mio costume non lo avevo ancora messo a lavare dopo le vacanze e quindi l'alternativa era un perizoma...
Mi sono spalmata la mia crema e poi ho indossato un completino molto sexy, perizoma e reggiseno entrambi bianchi..poteva sembrare un costume guardandolo da dietro, ma davanti aveva il pizzo...
Ho lasciato la porta senza chiave,ho preso il telecomando del garage, messo una bottiglia di spumante sul tavolino nel ghiaccio, due bicchieri sul tavolino e mi sono sdraiata con il cellulare in mano con il mio sedere verso il sole e le gambe verso la porta di vetro del giardino..mi sentivo una gatta in calore e sapevo di essere molto sexy.
A quel punto iniziai a giocare scrivendo a lui il mio primo sms

-ciao..eccomi, ci sono, via .... nro ..., prima di arrivare mandami sms che ti apro il garage...-
e lui
-ok, forse riesco a arrivare prima.-
e io
-io sarò in giardino, appena scendi dalla macchina una volta in garage chiamami e ti indico io-
lui
-ok...mmmm, sono molto agitato..-
io
-anche io..., a dopo.-

Erano le 1:25 ed ero completamente bagnata. Per assicurarmi di essere perfetta mi sono guardata allo specchio..mi sentivo davvero caldissima...Non vedevo l'ora di sedurlo e vedere la sua faccia
Il perizoma era già da sostituire..nell'attesa lo avevo bagnato tutto..
alle 1:48 esatte sento arrivare la sua telefonata..il mio cuore batteva a mille..
-dimmi-risposi io..
-sono davanti al tuo garage..ma ci sono due di porte...-
-ti ho lascito libera la destra, a sinistra ce la mia macchina...ti sto aprendo adesso..-gli dissi premendo il tasto del telecomando e lui..
-ecco che si apre..aspetta che parcheggio e scendo...-e dopo circa 20 secondi..-ecco, sono tra la mia macchina e la tua..-
-bene...davanti a te ci sono due porte, una a destra e una più a sinistra..-
-si..-
-prendi quella più a sinistra e vai sempre dritto...troverai me e la piscina..-
e subito ho messo giù sentendolo avvicinarsi...

-eccoti qui..-gli dissi io sempre sdraiata nello sdraio appena l'ho visto -sei decisamente più bello in giacca e cravatta..
-ciao...-
-ciao..-gli risposi io, vieni, avvicinati, mica ti mangio..ahah-gli dissi io facendogli il segno di avvicinarsi con la mano
-grazie..scusami, sono un po agitato..mi sento un adolescente..-mi disse lui
-dai su...siediti, accomodati...-gli dissi sedendomi sullo sdraio -facciamo un brindisi - continuai io aprendo la bottiglia di spumante e versandolo nei due bicchieri..
-si grazie...sei davvero fantastica..addirittura un brindisi..-
-dai, non penserai che ti ho fatto venire per lasciarti a secco...-gli dissi io in tono di insinuazione..
Lui sembrava teso, quella notte lo avevo visto nella macchina e mi sembrava più vecchio. Era sempre lui, di circa 60 anni, ma tenuti benissimo e molto curato.
Decisi allora di ammorbidirlo un poco..
-che ce? non ti aspettavi di trovarmi così?..ti ricordi che ti avevo detto? ti devo un favore..eccomi, tutta per te..-
Lui intanto si era già tolto la giacca restando in camicia, cravatta, pantaloni e scarpe..allora mi è venuta un'idea..
-perché non ti togli le scarpe? dai così sei più comodo...-
Una volta tolte le scarpe gli chiesi..
-ti piace il mio costume?..-
-si, molto..-
-di solito lo uso senza la parte di sopra, tanto sono a casa..-gli dissi togliendomi appunto il reggiseno e lasciandolo per terra..poi lasciai il bicchiere sul tavolo avvicinai la mia bocca alla sua e gli dissi con voce sensuale..
-ti aspetto..!-
e prendendolo dalla cravatta mentre mi allontanavo sono andata nella scala della piscina e sono entrata poco a poco in acqua muovendo i fianchi per sedurlo...
Lui è rimasto in piedi affianco della piscina mentre io ancora da dentro..
-non vieni?..guarda..-gli dissi io e rimettendomi tutta dentro dell'acqua mi sono tolta il perizoma e poi gliel'ho fatto vedere alzando le mani..-adesso sono nuda...non ti vergognare, lo so che non hai il costume sotto, ma adesso neanche io..lui è tornato verso lo sdraio e iniziò a svestirsi...e allora sono saltata fuori dall'acqua..

-fai fare a me tesoro.-gli dissi io diventando ancora una volta quella donna porca e scatenata che mi faceva diventare ninfomane...
E così mi sono inginocchiata davanti a lui e iniziai a tirarli giù i pantaloni mentre lo guardavo agli occhi e lui mi guardava da sopra vedendo che cercavo di raggiungere velocemente il suo membro caldo..

-mmmm, tesoro...ti ho mentito-gli dissi mentre mettevo la mano per l'apertura del boxer-ti avevo detto che non ti mangiavo, ma adesso ti mangio tutto!..-
-si...ahhh, è da anni che mmmmm, sei stupenda!..-
-ti piace tesoro?..-gli dicevo guardandolo agli occhi mentre succhiavo quel bellissimo e durissimo cazzo..
-si...mmmm, aahhh, sei stupenda..-
-anche tu...e lui è bellissimo-continuavo a dirgli mentre letteralmente ingoiavo il suo cazzo
quando notai che lui era al limite, anche se era ancora con la camicia e le calze addosso mi sono rimessa in piedi e prendendolo della mano l'ho avvicinato alla piscina spingendolo nell'acqua...
Poi mi sono buttata io in piscina e iniziai a baciarlo..
-non l'ho mai fatto in piscina-gli dissi-ma ho visto un film porno in cui lo facevano e voglio farlo adesso..- e così mi sono appoggiata lasciando lui dietro di me dando a lui le mie spalle..-dai vieni tesoro..-gli dissi ancora..
E così lui si è avvicinato e ha cominciato a baciarmi sul collo mentre le sue mani erano nelle mie tette e lui intanto muovendosi con il cazzo cercava di centrare il mio bucco mentre io mi facevo indietro per permetterglielo..
Lui era un poco più alto di me e quindi il suo cazzo si infilava direttamente nel mio sedere..quando ho sentito che era infilato e forse c'era dentro uno o due centimetri mi sono spinta ancora indietro ricevendo l'intero cazzo di Giuseppe dentro del culo mentre lui si spingeva avanti e indietro inculandomi..
-si tesoro...si..-gli dicevo-si, sbattimi..-
-come ti piace troia..ti sto inculando...-
-si mi piace da morire tesoro...inculami così..-gli dicevo mentre con le mie dita mi toccavo la figa per godere di più...
-si si si troia...prendi tutto il cazzo in culo...sei una vera puttana...ti avrei dovuto inculare quella sera..-
-non aspettavo altro tesoro..-
-eccolo tutto per te...troia...prendilo in culo..-
Mentre lui mi insultava io ero al settimo cielo..poi ha cominciato a prendermi dai capelli mentre si spingeva verso di me e mi sfondava il culo...


Siamo rimasti così per circa 10 minuti, lui continuava a insultarmi e prendermi dai capelli mentre mi faceva impazzire inculandomi per bene...

Poi lui ad un certo punto mi disse mentre non smetteva di incularmi..

-voglio incularti fuori della piscina..-
-si tesoro.., come vuoi...-gli risposi io
-così mi piaci troia...vieni..-mi disse lui tenendomi dai capelli e portandomi fuori della piscina...e ancora lui..
-sdraiati...sul telo..-e tirando giù il telo dallo sdraio mi fa capire che dovevo stenderlo sul prato a fianco della piscina..
Una volta sdraiata con il sedere verso di lui, lui si è inginocchiato dietro di me alla altezza del sedere, e venendo in avanti e giù dopo un secondo mi sfondò ancora il sedere..
-ecco troia...ti sto sfondando...hai un culo troppo bello, da sfondare...-
-si tesoro, sfondami..-
-si, te lo spacco troia..dimmi che ti piace..-
-si tesoro..mi piace molto..-
e così lui mi inculava finché è venuto dentro lasciandomi un litro di sperma dentro...
-ecco troia...da anni non sborravo così tanto...dovevo trovare una troia come te..-
-e io dovevo trovare uno che mi faccia così il sedere tesoro..-
Poi lui si è tolto e si è seduto mentre io continuavo ad essere sdraiata sul telo e quindi lui inizio a buttarmi del champagne sopra...

-ahh, come si sta bene qui da te..-continuava lui...-sei una donna stupenda..-
-grazie.., posso chiederti una cosa?.-
-dimmi, certo-
mentre mi giravo verso di lui gli dissi
-avevi detto che stasera ci saremmo visti..quindi sei libero la sera..-
-si, certo..-
-vuoi essere il mio ospite d'onore?.., posso cucinarti, coccolarti, servirti?..ti va?..-
-vuoi essere la mia bambola per questa sera?..-
-certo, anche la notte se vuoi restare...-
-ma come potrei dire di no..? certo che resto..-
-ok, vado a farmi una doccia..fai come fossi a casa tua...a dopo..-
e così sono andata in bagno lasciando lui seduto in giardino a fianco della piscina...mi aspettava una notte di sesso vero ed ero disposta a tutto per farlo morire dal piacere...



venerdì 13 luglio 2012

Giuseppe mi telefona...e per la prima volta racconto tutto a mio marito...

Tornata delle mie vacanze dopo due settimane di vero piacere, non vedevo l'ora di ritrovare i miei figli.
Appena arrivata in città, non sono andata a casa, ma da mia cugina per incontrarli. Da mia cugina sono venuta a sapere che i miei figli erano da lei ormai da 6 giorni e mi sono arrabbiata molto..mio marito solo a casa e i figli da mia cugina...insomma

Con mio marito ci siamo parlati poco, come se fossimo stati insieme a casa negli ultimi 15 giorni.
Quando sono arrivata a casa già in tarda serata in taxi dalla casa di mia cugina, con i miei figli me lo sono trovato seduto davanti alla tv...miei figli sono andati subito ad abbracciarlo..

-ciao.-mi disse lui
-ciao-
-com'è andata?, ti sei divertita?.-
-molto...come mai loro erano da Giovanna da 6 giorni?.-
-beh, avevo molto lavoro..non ero in ferie come la loro mamma.-

Senza dire una parola portai i bimbi al letto e li feci dormire

Tornata in salotto lui era ancora lì..

-allora ti sei divertita..-mi disse ancora lui
-si, e sopratutto mi sono rilassata e non ho pensato al mio inferno di vita coniugale..-
-neanche io per quello-
-meglio per te..- continuai io, l'ambiente era molto teso...
Lui fa un attimo di pausa e poi riprende

-allora inizia con i tuoi racconti..., vediamo, fammi ridere, quanti ti sei fatti?.-
-non ce nulla da ridere..vuoi davvero sapere?-
-si..-
-3 grandissimi fighi, erano bagnini..-
-haha..adesso una storia con bagnini.., ma fammi il piacere..-
Ad un certo punto inizia a squillare il mio cellulare da un numero completamente sconosciuto..
-sarà uno di loro che ti chiama per restituirti una tua mutanda..ahahah-continuava lui mentre io mi allontanavo per rispondere..-
-sono entrata nella stanza degli ospiti dove ormai dormivo da mesi e ho risposto..
-pronto.-
-ciao...come stai?-
-ciao...bene, ma chi sei?-
-Giuseppe...ti ricordi?..-
-Giuseppe....mmmm, scusami ma no...davvero non mi ricordo..-
-Quella sera, ero in macchina, ti ho portato in albergo..-
-ahh, ciao, come stai?..scusa, è passato un po di tempo, ormai sono un po vecchia...-li risposi sorridendo..
-se sei vecchia tu figurati io-
-dimmi..-dissi io
-niente..siccome ieri sono stato dalle tue parti mi chiedevo se forse ti trovavo..-
-beh, sono appena rientrata dalle vacanze..-
-ahh, che fortunata.., dove sei andata di bello?.-
-in Francia, normandie-
-bello...bene sono contento che ti ricordi ancora di me.., posso chiederti una cosa se non ti offendi?.-
-dimmi-
-domani sera verso le 11 dovrei passare dalle tue parti..., mi piacerebbe incontrarti come l'ultima volta..-
-e poi?..-chiesi io provocandolo
-e poi..insomma, non saprei..-
-beh, sei tu che mi stai invitando..qualcosa avrai in mente..-
-non ti offendere, te lo posso dire domani?..se accetti chiaro.-
-a che ora hai detto?-
-verso le 11, ma dimmi tu, posso passare prima o dopo..-
-dovrei far dormire i bimbi, assicurarmi che mio marito dorme o che non ce.., insomma, è questo il tuo numero, ti mando un sms domani..-
-ok, lo avrò accesso tutta giornata.-
-bene, a domani.-
-ciao, buonanotte.-
e così ho messo giù e mentre andavo in bagno togliendomi le scarpe mio marito c'era ancora davanti alla tv
-allora? era uno di loro?-continuava lui ma io non capivo il suo scopo..allora decisi di andare oltre...
-no, ancora il mio capo...sa che sono arrivata e inizia a rompere..., domani andrò a cena con lui per pianificare il rientro..-

-Ah va bene...-continuò lui -comunque pensavo dirtelo domani ma visto che sei qui te lo dico adesso.., domani vado ad un congresso in Bruxeles, penso che torno venerdì..-
-Bingo!!!...-ho pensato subito io e poi gli dissi -quindi vai via domani...a che ora?.-
-beh, parto la mattina di qua, vado in ospedale e alle 3 del pomeriggio andiamo in Aeroporto...devo ancora far la valigia..-
-se continui ancora davanti alla tv non la farai mai..-risposi io
-si lo so..che belli quei tempi quando la valigia me la facevi tu..-mi insinua lui.
-non te lo sogni nemmeno...quella donna non ce più..mi dispiace..-gli risposi andando verso la mia stanza..-domani mattina visto che i bimbi sono ancora in vacanze ed io non devo andare al lavoro non sarò sveglia e quindi, non ti vedo, buon viaggio.., dai un bacio ai tuoi figli prima di andare via..-e così entrai nella stanza chiudendo la porta dietro di me..

Ho finito di svestirmi dentro la stanza e quando ero completamente nuda scegliendo una mutandina per dormire, è entrato lui facendomi ricordare che avevo dimenticato di chiudere a chiave..

-scusa..le mie cravatte, sono qui nell'armadio..-
-bussare prima no?..-gli dissi io mentre cercavo di coprirmi il seno e la figa con le mani..
-dopo tutto è casa mia..-risponde lui
-si, ma anche mia..-risposi io...-fai veloce che devo dormire...-continuai io
A quel punto io ero in piede a fianco del divano letto e mi spostai per farlo passare verso l'armadio e lui tentò di darmi un bacino in bocca e io mi spostai verso dietro..
-mia moglie non vuole dare un bacio a suo marito..-mi disse
-no, se non l'hai ancora capito..-
-e poi non posso neanche vederti nuda..-continua lui
-no, neanche quello..-risposi io
-spero non duri troppo perché sei così bella..-mi disse lui guardandomi direttamente agli occhi...
-ahh, finalmente, mio marito mi ha detto bella...questo non accadeva da molto tempo..., grazie..ma è tardi, fai veloce che devo dormire..-
-togli le mani che voglio vederti..-mi disse lui
-vai via...-
Lui a quel punto si avvicina e mi prende dalle braccia dicendomi mentre mi spingeva..
-togli le mani troia...sono tuo marito...-
Appena sono riuscita a liberarmi li ho datto uno schiaffo
-sei una merda...voglio il divorzio..-gli dissi..
-ahh puttana, voi il divorzio, così vai con i tuoi uomini..-continuava lui..
-non ho  bisogno del divorzio per quello, lo faccio comunque...-
-se è vero che lo fai, ti farò causa per essere adultera..., vedrai, non avrai neanche un soldo da me..-
-non voglio i tuoi soldi...io no, comunque hai due figli...loro si.., ma non discuto più, domani vado dall'avvocato..., verrai a sapere tutto più avanti...ah, mentre sarai via andrò via da casa con i bimbi..-
-no, tu resta qui, vado via io caso mai...i miei figli gli voglio qui nella mia casa-
-adesso ti ricordi dei figli...sono stati 6 giorni da Giovanna...adesso te ne importano.., bravo..-
Mentre lui si girava per prendere le sue cravatte dall'armadio io mi infilai nel letto e mi copri fino al seno
Lui girandosi continuò
-davvero te ne andresti?.., davvero saresti capace di lasciarmi da solo senza neanche i miei figli?..-
-ai tuoi figli li potrai vedere spesso, quando vorrai...quindi..-
-Non mi lasciare, ti prego..-mi chiedeva lui mettendo le mani davanti come pregando..-sarei capace di accettare di essere cornuto e non disturbarti nelle tue scelte...sarei capace di convivere con un altro uomo in casa, sono capace di tutto pur di non perderti..-
Come a qualsiasi donna sarebbe capitato, ho provato un certo sentimento di colpa nei suoi confronti...ma lo odiavo troppo per poter consolarlo...e quindi continuai ...
-promettiamoci una cosa..-
-dimmi..-mi rispose lui mentre si siedeva sul letto interessandosi
-tu non mi rompi con storie di a chi vedo e con chi esco..., io non ti rompo più con la tv e le tue cose...si, è vero, ti ho fatto cornuto...e..-mi sono decisa a raccontargli tutto...
-...e cerca di ascoltarmi senza cercare di interrompermi e dirmi cazzate...-continuai io..-si, ti faccio cornuto..ma non ti chiedo scusa...sono molto felice di questo...non ti dirò più nulla, sappi che frequento altri uomini..-
-altri?-chiede lui -quanti?.-
-non credo sia importante il numero..l'unica cosa che mi sento di assicurarti è che non l'ho mai fatto davanti ai bambini...e non lo farò mai mentre loro siano a casa-
-quindi l'hai fatto qui a casa..-
-si, varie volte...ma loro non c'erano.., questo sia chiaro..-
Lui mi ascoltava senza dire nulla...
-quindi tutte le storie che mi hai raccontato sono vere..-continuava lui
-direi di si... ma mi dispiace, non mi sento di chiederti scusa..., te lo sei meritato...e poi, non tentare di impedirmi questo perché ti uccido...ormai questa è la mia vita...se vuoi accettalo, se non vuoi, non lo accetti, ormai sai che mi voglio divorziare...-
-Si, lo so...ma non voglio, ti prego.- continuava lui
-ok. lo penserò...ma sono arrabbiata con te..e questo non cambia..-
Lui sembrava più tranquillo ma guardava al vuoto...e poi continuava
-...l'hai fatto sul nostro lettone?.-
-si, più di una volta..-
-posso sapere con chi?.-
-tu non lo conosci, cosa te ne frega?.-
-voglio sapere chi usa il mio letto per scopare la mia donna..-
-io non sono la tua donna...sono sposata con te, ma non sono mica la tua donna.., tu non mi hai comprata..-gli dissi io
-si ma siamo sposati e allora, intanto che sposati sei mia..-
-Lo vedi che non hai capito niente?. Come vuoi che non ti faccio cornuto...avrei dovuto farlo da sempre...sei troppo cretino, scusami. Essere sposati non vuol dire nulla, è solo un contratto che può sciogliersi come qualunque contratto e cioè, con dei soldi..-dissi io e continuai -questo contratto non dice che io sono tua o tu sei mio...assolutamente no!.-
-si ma specifica chiaramente che si deve essere fedeli..-
-si, sono d'accordo, ma specifica anche che promettiamo all'altro della dignità, la cura, la responsabilità...tu questo non lo rispetti ormai da anni, perché dovrei rispettare io il contratto se tu non lo fai?.-
Lui non dice niente e va via verso la porta della stanza...poi si gira e mi chiede
-mentre non ci sarò incontrerai a qualcuno?.-
-ma scusa, vuoi davvero che ti racconto?..-
-almeno quello visto che non posso nemmeno vederti...-
-si, uscirò con uno...era quello al telefono..non era il mio capo..-
-e chi è?.-
-non lo so, so solo che è un uomo gentile..-
-quindi andrai con uno che non sai chi è..-
-si, qualche problema?.-
-no...mi sembra strano tutto qui...lo porterai a casa?.-
-forse si, non lo so, visto che i bimbi iniziano domani la colonia e non ci saranno...-
-e se è un ladro e ci ruba tutto?...non lo conosci neanche..-
-ma tu credi evidentemente che io sono una cretina e stupida, sappi però che nell'ambiente degli incontri tra adulti, di solito la gente è gentile e corretta e si vuole solo divertire..non ci sono dei coglioni, ladri o delinquenti...-
-quindi conosci bene l'ambiente..-continua lui -vedo che ti dai da fare..-
-certo, sono molto felice, e non intendo smettere...adesso vai, è tardi e sono stanca..-
Prima di aprire la porta e andarsene si gira e mi dice
-io ti amo, lo sai?..-
-non so cosa sia l'amore per te...io ti ho amato, tanto...ma adesso non più..-
-ami altri uomini?..-
-non amo nessuno, per il momento non ho bisogno di amare uomini...mi danno piacere, mi fanno sentire sexy e bella e poi mi scopano bene...non devo amarli, ho già amato uno ed è finita male...guarda noi, facciamo schifo come coppia, abbiamo due fantastici figli, ma è tutto..-
-Ti chiedo solo una cosa..-continua lui - come medico: fai cura di te...attenzione agli sconosciuti...l'aids è più frequente..-
-nella coppie eterosessuali-interrompi io- lo so benissimo...grazie comunque del consiglio, adesso vai che ho sonno, buon viaggio per domani...dai un bacio ai piccoli quando vai via..-
-si, buonanotte...-
-notte..-
e se ne andato chiudendo la porta...a quel punto avevo carta bianca e lui sapeva tutto...ero più sollevata e tranquilla. Senza rendermi conto mi sono addormentata fino alle 9 che ho sentito i bimbi giocare in salotto e mi sono precipitata in cucina a far loro la colazione...La mia vita era decisamente cambiata da quel momento ed ero disposta ad andare avanti.




mercoledì 6 giugno 2012

Due settimane di piacere assoluto...

Mentre loro erano a cena io mi giravo ancora in torno al tavolo a fare loro delle coccole sulla schiena...

-quindi...sei qui...ci prepari da mangiare..e poi possiamo divertirci con te..-mi diceva Evandro mentre cenava
-a me fa piacere..a voi no?..-risposi io.
-certo...sei fantastica..addiritura fai sesso in maniera strepitosa..-continuava lui
-ma mi avete promesso che eravate in tre...invece io vedo solo due bei uomini qui..-risposi io con faccia sensuale e sguardo furbo..
-beh, Juan José chiude dopo ed è più lontano...quindi arriva dopo...lui non sa nulla, quindi sarà una sorpresa..-
-ah, non ha visto il filmato..-chiesi io
-no, mica avevamo tempo di andare a farlo vedere a lui..-rispose Paulo
-quindi quando arriverà lui ti presenterò come la mia amica...ma resta così, non ti cambiare...per confondere..sai giocchiamo un attimo...-
-certo che resto così...anzi..-dissi io facendo la finta di togliermi il perizoma rosa
-no no..-disse lui-non lo togliere..dai che quello ti fa il sedere più bello...

L'ambiente con loro era fantastico...si respirava sesso da tutte le parti...ma dovevano cenare, li volevo al 200%...Io avevo già cenato per occuparmi da loro durante la loro cena. Ero una serva, la loro serva..

Continuavamo a parlare e a sedurli sempre di più, portando l'ambiente a diventare caldissimo...mentre coccolavo e baciavo ognuno di loro sulla schiena sportiva e loro mentre menagiavano mi toccavano il sedere..

-voglio che mangiate..-dissi io - ma allo stesso tempo voglio che finite..., e voglio che arrivi il vostro amico...insomma, vi voglio tutti e tre..-e sorridendo sono scappata verso la stanza..

Prima di tutto, sapendo che sicuramente qualcuno di loro sarebbe venuto mi sono messa un paio di calze bianche..e mi sono cambiata il perizoma con uno bianco per combinare..poi mi sono sdraiata sul lettone per riposarmi un po...e poi è arrivato Paulo..

-dobbiamo ancora finire qualcosa..-mi disse lui tirando fuori il cazzo..
-vieni...-gli dissi facendogli capire di sdraiarsi sul letto..-dobbiamo ancora iniziare...Evandro ha già provato tutto..manchi te e poi il vostro amico..-
-ma come sei troia..-mi risponde lui...

Iniziai a fare il mio lavoro e dopo un po è arrivato Evandro ancora a fare delle foto mentre si segava




ma poi lui decise di rimanere e mettendosi dietro di me iniziò a scoparmi...
-dai facci un filmato..-chiese lui a Paulo...-facci un filmato mentre mi scopo a questa troia...

E così messi a pecorina inizia a scoparmi incredibilmente, tanto mi tiraba dai capelli che mi tolse il codino...era tanta l'intensità della sua scopata che le calze sono cadute e la mutandina si è rotta...ma a me faceva morire dal piacere..



Quando Evandro  mi stava letteralmente portando sulle stelle...Paulo non ce l'ha più fatta e quando Evandro iniziò a penetrarmi il sedere, Paulo lasciò la videocamera e si è messo anche all'opera mettendomi il suo cazzone in bocca..Nel frattempo Evandro mi faceva il sedere in maniera strepitosa...

video


 Poi ci simo girati e ho cavalcato Evandro, mentre è stato Paulo a farmi il sedere...anche lui in maniera strepitosa...ma anche mi ha messo il cazzo in bocca per un bel po..

video



Mi hanno scopato entrambi per circa mezz'ora...finchè eravamo un po sudati...
-Ragazzi, io vado a farmi la doccia, deve ancora arrivare il vostro amico e voglio stare al meglio...-
-lo vedi come sei troia..-risponde Evandro..-ne vuoi ancora?..-
-certo caro..sono qui per voi...mi lascierete provare però il vostro amico..-risposi io scappando di fretta verso il bagno...
-..ma poi mettiti di nuovo quella piccola rosa e torna in cucina...che sei una strafiga così..-mi urlò Paulo quando stavo quasi già raggiungendo il bagno..
Mi sono fatta la doccia e quando sono uscita ho sentito che in cucina c'era una voce che non conoscevo..allora ho capito che era arrivato Juan. Subito sono corsa nella stanza, e come richiesto da Paulo mi sono rimessa il perizoma Rosa, i tacchi e sono lentamente andata verso la cucina..
Senza far rumore mi sono avvicinata alla porta della cucina e ho sentito la loro chiacchierata..

Loro parlavano tra di loro in spagnolo...ma io lo scriverò in italiano...
-...è una vera troia...le piace il cazzo, ma le piace davvero...-
-ce la siamo fatta in due..ma vuola ancora..aspetta te..-
-beh, presentatemela...non vedo l'ora-

-eccomi..-sono apparsa io in scena..-ciao..piacere Anna-mi sono avvicinata a lui dandogli la mano..
-sei bellissima Anna...davvero uno schianto..-mi dice lui mentre non riusciva a togliere lo sguardo dal mio seno
-Quindi tu saresti Juan, o Juan josé..come devo chiamarti?.-
-Chiamami Juan.-
-ok Juan, hai cenato?.-
-Si grazie,sono apposto....-
Lui era un tipo molto latinoamericano, diversamente dagli altri due che erano piu europei...era più del tipo diciamo più aborigine...molto affascinante..e aveva uno sguardo furbissimo e molto passionale..

-ti piacio davvero?..-gli chiesi io girandomi davanti a lui..
-sei stupenda...non ho parole...-
-grazie..-
-ma prova anche a lui...vai troia..-mi dice Paulo -dai che qua si inizia sul serio..
allora mi sono seduta in una delle sue gambe guardandolo in faccia...-allora i tuoi amici mi dicono di provare anche te..posso?..-gli dissi facendo una faccia di grande troia..

-dai mettetivi li in centro che vi faccio delle foto....come ti piace il cazzo troia..-diceva Paulo mentre entrambi andavamo al centro della cucina e io mi inginnochiavo..

Allora li tirai giù un po i pantaloni mentre iniziavo a succhiarlo e sentivo i flash delle foto arrivare uno dopo l'altro..




Il suo cazzo era bellissimo e potevo contenerlo interamente in bocca...
-sei una vera puttana...adesso in tre ti faremmo davvero avere cazzo....in tutti i bucchi...troia..-continuava a dire Paulo mentre io mi bagnavo tantissimo...

A un certo punto lo stesso Paulo prendendomi dai capelli mi toglie dal cazzo di Juan e mi dice..

-Ti diamo 15 minuti...vai in stanza..preparati molto troia per noi, poi veniamo in 3 e vedrai..-

Allora senza aspettare nemmeno un attimo sono corsa in stanza..

-vi chiamo io...-dissi a loro mentre uscivo dalla cucina -appena sono apposto..-

Arrivata in stanza, mi sono sciolta i capelli, mi sono messa le calze bianche, poi il perizoma bianco, anche se un pò rotto era molto sexy..

Mi sono guardata allo specchio ed ero davvero figa..e mi sono detta..
-ragazza te la sei cercata..adesso chissà fino a che ora dovrai essere al 200 % per loro...-
La cosa mi eccitava davvero molto..

-Evandro, puoi venire un attimo? solo tu però..urlai io..
Evandro è entrato in stanza nudo...
-ahh, siete già preparati...-
-siamo a tiro...appena ci chiami entriamo in azione...-
-ok, vorrei però chiederti di fare un film integrale...di tutto ciò che succederà adesso..-
-ok, mmmm che bello...-è ripartito lui mettendo apposto la videocamera

Mi sono ancora guardata nello specchio e mi sono data coraggio...-dai..si inizia..-mi sono detta...
-Ragazzi?...ci sono...-urlai mentre mi sono fatta trovare sdraiata sul letto pancia in giù...

Appena arrivati si sono subito lanciati tutti e tre sul letto...non riconoscevo più chi era chi...a Evandro si per il suo enorme cazzo, ma gli altri due no, e non mi importava comunque...volevo solo che loro mi facessero di tutto...

Si sono turnati per incularmi, scoparmi, darmi il cazzo in bocca..insomma...è stata una intera notte di sesso estremo e per momenti forte...solo riporterò qualche immagine tirata fuori dal video...


Il giorno successivo dopo più di 7 ore di sesso sfrenato siamo rimasti tutti e 3 esausti e ci siamo addormentati sul lettone...ma poi loro alle 9 dovevano iniziare...e quindi quando mi sono svegliata, circa alle 11, loro non c'erano più...ero nuda, sopra un lenzuolo tutto pieno di sperma...io tutta sporca con sperma ormai secco dappertutto...allora sono subito corsa sotto la doccia...e poi mi sono cambiata, ho cambiato il lenzoulo e messo una lavatrice e sono andata a trovarli in spiaggia...

I giorni successivi sono sempre stata in spiaggia vicino a loro, come fossi la fidanzata di uno di loro, infatti, ogni tanto ci baciavamo con Evandro...e ogni tanto mi portavano nel loro ufficieto nel lido per farsi spompinare...


I successivi giorni sono passati con notti di sesso sfrenato..io facevo loro la cena, poi lavavo, facevo pulizia di casa e poi ero la loro schiavetta...

Ecco alcune immagini dei giorni successivi..







Erano state le mie vacanze più strepitose..allora avevo deciso da qui in poi, fare sempre le vacanze sola...senza mio marito intendo..perchè poi sola non sono mai stata..


martedì 5 giugno 2012

Ancora in ferie..ma non solo..

Ero rimasta davvero sconvolta dopo l'incontro con Evandro...e certamente non volevo lasciare le cose così...volevo assolutamente ripetere...

Poi considerato che il mio albergo non mi piaceva granchè e che loro avevano posto a casa decisi di fare a loro una proposta..."Vi faccio la Colf a cambio dell'alloggio.."

Ma prima dovevo andare in albergo e ho fatto esattamente quello ...Mi sono messa dei jeans e una camicia molto sexy sopra, ho presso tutte le mie cose, e sono partita per casa loro.

Volevo fare loro questa sorpresa, anche se non avevo parlato ancora con Evandro, ma speravo che la sorpresa sarebbe gradita...immaginavo già i loro volti..volevo essere al centro della loro attenzione, ma anche essere davvero una regina per loro e sopratutto per me...

Dopo che portai tutto a casa loro sono andata al supermercato a far la spesa. Ho comprato da mangiare per circa una settimana calcolando che eravamo in 4...

Dopo che ho sistemato il tutto nel frigo vuoto sono andata in spiaggia a trovare lui..era già tardi e quindi non mi sono cambiata per la spiaggia ma sono rimasta con dei jeans e la camicia..

Quando camminavo verso la spiaggia mi viene un'idea molto sexy...ero già caldissima anche se il sedere mi faceva ricordare la penetrazione strepitosa di evandro

Arrivata in spiaggia lo trovai...

-ciao tesoro..-gli dissi...-ancora non ti consegno la chiave..-
-come sei bella...-
-grazie...-
-posso chiederti una cosa?..-continuai io
-dimmi..-
-mi faresti un altro filmato?...-
-finisco alle 8, tra 3 quarti d'ora.., poi te lo faccio...anzi, faccio più di uno se vuoi..-diceva lui sorridendo..
Intanto c'era il suo amico più vicino al mare, Paulo, che salutai con la mano.
-ma ascolta.., ce Paulo, solo due minuti..., dai voglio farvi una sorpresa..-
Lui è andato da Paulo e poi è tornato..
-ok, ma torno subito, d'accordo? non possiamo di nuovo fare sesso..-
-no problem tesoro...ce tempo per quello..-

Mentre facevamo quelli 200 metri gli raccontai..

-ho deciso di venire a vivere da voi e cucinarvi come ti avevo detto...spero la cosa non disturbi ai tuoi amici...-
-e l'albergo?..-
-niente...l'ho lasciato..-
-che bello..mi fa piacere...-
-dici che a loro farà piacere?..-continuai io...e poi gli raccontai la mia idea...
-allora...io lo desidero tanto restare con voi..ci sarà da divertirsi.., tu fammi questo filmato e poi porta la videocamera come se io non lo sapesse...e la fai vedere a loro...e poi li dici se accettano che io resti..-
Lui rideva..-ma sei furba..., vuoi che non accettino..!.-

-Ecco arrivati..-
-Dai vado in cucina -dico io, -porta la video camera e dimmi quando sei apposto!".-

-Fatto...ti sto riprendendo..-

video

Finito il video gli dissi

-grazie tesoro..., adesso vai via che devo mettere un po in ordine la cucina..-

E lui è partito con la videocamera in mano...

Dopo le 8 sono tronati lui e Paulo insieme...sono subito andata da lui e l'ho baciato, mentre da dietro mi prendeva Paulo...

Ero in cucina, con la mutandina rosa e le scarpe con tacco...mi sono ressa conto che loro puzzavano allora li mandai a far la doccia...e intanto ero in cucina. Prima è andato Evandro a far la docia e sono rimasta con Paulo.

Stavo cucinando e quindi lui mi ha fatto alcune foto..



Iniziavo a bagnarmi tantissimo vedendo a lui come si eccitava guardandomi..

Allora iniziai a toccarmi davanti a lui



-posso provarti?..-gli dissi anche se puzzava. e mi sono avicinata inginnocchiandomi davanti a lui...
-che troia che sei...certo che puoi...-mi rispose lui...e di nuovo scatta delle foto mentre io facevo il mio "lavoro"





Aveva un cazzo decisamente più piccolo di quello di Evandro, ma non era comunque piccolissimo...

A un punto è tornato Evandro nudo dalla doccia, asciugandosi...mentre spompinavo Paulo lui da dietro iniziò a baciarmi sulla schiena mentre mi toglieva la mutandina...ma avevo la carne nel forno...e quindi per lasciare ancora più caldo Paulo mi sono alzata e sono tornata ai fornelli...

-dai vai anche tu a farti la doccia, che poi ci divertiamo...-gli dissi con un sorriso furbo e facendo a lui l'occhieto...

Intanto quando mi sono alzata lui continuava a far le foto



-come sei troia...dai scopatela tu..-diceva Paulo a Evandro mentre non smetteva di far delle foto...-scopatela mentre vi faccio delle foto e vi guardo..-

A questo punto Evandro mi prende dal codino dei capelli e mi porta sul tavolo mettendosi dietro di me e penetrandomi  mentre Paulo continuava a fotografare...




Dopo un po che lui è ancora una volta passato dalla figa al sedere e io ero ancora una volta al settimo cielo...lui mi girò sul tavolo e capi che Paulo era ancora li che fotografava...



Poi Paulo finalmente era andato via...così evandro mi scopo ancora per circa 10 minuti finchè è tornato Paulo e poi, rimettendomi la mia mutandina, si sono seduti a cenare..

Avevano trovato la loro schiava e questo era solo l'inizio, ancora non era entrato Juan, il loro colega Paraguaiano.

venerdì 1 giugno 2012

Le mie prime vacanze da sola...o forse no...

Si avvicinava l'estate e ancora non avevo pianificato nulla. Ero molto impegnata con il lavoro.
Di solito, tutti gli anni da quando ci eravamo sposati, facevamo due vacanze, una vacanza in due con Salvatore, e poi un'altra con i bambini...
Cominciai a pensare di pianificare quella con i bambini, come facevo di solito, ma ero decisa a fare l'altra vacanza io da sola, senza Salvatore
Come al solito dopo 15 giorni tra lavoro, mille robe da fare, ecc, sono riuscita ad organizzare il tutto. Le vacanze con i figli e la mia vacanza.
Mi mancava solo dirlo a Salvatore.
Quella sera lo aspettai dopo cena per parlare con lui

-Ciao..-è entrato lui salutando
-Ciao, come è andata?..-risposi io
-Beh, dai, stanco, oggi è stato impegnativo..-
-Senti-..interrompi io -volevo parlarti delle vacanze-
-ah, le nostre vacanze..-disse lui
-beh, direi, la mia e quella dei bimbi..-risposi io
-dimmi..-
-beh, ho già organizzato tutto, andiamo con i bambini in Sardegna, al solito posto, ho già prenotato..-
-ah, va bene..-risponde lui ..-e poi noi?-
-noi?, non lo so...io, ho già organizzato per me, tu vedi dopo cosa vuoi fare..-
-ma come, non andiamo insieme?-chiede lui
-ma tu hai dei problemi?-risposi io...-è da mesi che ormai condividiamo solo la casa e nulla altro. Non fai che ignorarmi e non te ne importa nulla di me...siamo due separati in casa..o vuoi dirmi che non è così?..-
-beh, è vero che ultimamente..-continua lui..
-Ultimamente??!!!-rispondo io -ultimamente?, non direi, è ormai da tanto...inutile far finta di nulla. Non ho voglia di litigare ma non ho voglia di fare le vacanze con te, e quindi vado in Normandie, da sola-
-beh, tanto lo sai che la Francia non mi piace più di tanto..-
-appunto- risposi io,-vado da sola...-
E poi andando verso la stanza degli ospiti, mi sono tolta la maglietta mentre camminavo dando sempre le spalle nude a lui...
-buonanotte...-dissi a lui entrando nella stanza
-non ti giri neanche?-mi chiese lui pretendendo di vedere il mio seno nudo
-buonanotte..-dissi ancora e entrai nella stanza senza nemeno guardarlo...

I giorni sono passati in fretta ed è arrivata la fine della scuola...tra i miei impegni e alcune cose da risolvere al lavoro, non mi ero mai occupata davvero di me stessa, come non capitava da molto tempo, sono passate quasi due settimane che non ho fatto sesso con nessuno. Mi toccavo la sera prima di dormire e la mattina sotto la doccia, e quello mi teneva più calma.
Dopo la fine della scuola dei bambini, come al solito, siamo partiti per la Sardegna come facevamo ormai da alcuni anni. Le vacanze si sono passate bene, ci siamo divertiti e mi sono goduta tantissimo i miei bimbi coccolandoli tanto.

Mentre ero con mio marito davanti ai figli, usavo un costume normalissimo, direi anche grande e scomodo, ma poi lasciavo i bimbi con gli animatori, e quando Salvatore rientrava nell'appartamento a dormire o a guardare la TV mi allontanavo dalla spiaggia verso un posto più in solitudine e mi mettevo quel piccolino che mi consentiva di mantenere il mio "triangolino" di sole nel sedere per ottenere il risultato della foto.


Comunque mentre ero in famiglia ho cercato di essere solo una mamma e mi è riuscita alla grande...non sono stata per nulla una moglie, anche perchè dopo che i bimbi se ne andavano a dormire, e Salvatore era nel lettone, io dormivo nel divano del salotto dell'appartamento.

Siamo tornati di sabato, e il martedì successivo, dopo parlare e organizzarmi con mia cugina e la baby sitter per essere sicura che i bambini stessero bene, sono andata in aeroporto e sono partita per la Francia per 15 giorni.

Sono partita con una valigia abbastanza piccola e la mia borsa. Era previsto abbastanza caldo e quindi portai solo il necessario.

Sono arrivata in albergo la sera tardi dopo un viaggio lungo. Prima a Parigi e poi treno a poi la corriera fino a una spiaggia vicino a Etretat, e quindi dopo il checkin in albergo sono andata direttamente sotto la doccia e poi a dormire.

La mattina dopo era una giornata meravigliosa. Era troppo presto per telefonare i miei bimbi in Italia, e quindi mi sono dedicata a me stessa, la mia pelle, insomma, volevo essere perfetta per prendere il sole.

Dopo far la colazione in albergo, mi sono vestita leggera e sono uscita a fare una passeggiata.
Da quanto sapevo, in queste spiaggie si poteva far topless, ma non ero sicura e volevo verificarlo.
Era un po fresco man mano che mi avvicinavo alla spiaggia e quindi sono tornata in albergo e mi sono cambiata, lasciando sotto il perizoma che avevo ma ho messo i pantaloni e una felpa...guardandomi allo specchio mentre mi cambiavo ero già caldissima, allora mi sono fatta un autoscatto prima di uscire


Così sono uscita già tutta bagnata...per raggiungere la spiaggia.
Arrivata nella sabbia, mi sono tolta le scarpe sportive...e sono andata a camminare dove arrivano le onde così da bagnarmi un po i piedi mentre portavo le scarpe nelle mani.
Camminai per circa un'ora, il caldo comminciava a farsi sentire e quindi mi tolsi i pantaloni e continuai a camminare con la felpa e quello che sembrava un costumino, che in realtà era il perizoma.
Cercavo di guardare in giro per capire se le donne facevano topless o no, ma sebbene era piuttosto presto, le donne che arrivavano avevano il reggiseno del costume addosso..tutte...
A un certo punto mentre continuavo la mia passeggiata mi trovo davanti a me due uomini che sembravano dei bagnini. Loro stavano riportando sulla sabbia una specie di gommone forse tornando loro stessi da entromare. Mi avvicinai a uno di loro e gli chiesi..

-scuse me sir...-
-yes? how can I help you?-
-It's the first time I come here, I want to know if there is a place here to do topless...you know to get the sun as better as possible...-dissi io
-where are you from?-mi risponde lui
-Italy-
-oh, Italiana...-mi risponde lui in un italiano con cadenza straniera -ragazza italiana!..- continua lui ridendo..
-noi siamo Brasiliani, quest'anno siamo qui a fare i Baywatch- continuava lui in questo italiano scarso...-Two years ago siamo stati in Italia, near Rimini a fare the same job..-continuava mischiando Italiano e inglese ma comunque facendosi capire..
-so you want to know a place to do topless...-continuava lui -France is a free country, so...you can do here I think, everywhere I think -continuava lui segnalando con il braccio l'intera baia..
-Ok, thank you..-risposi io iniziando ad allontanarmi per continuare la passeggiata.
-hey that's all?...-mi chiese lui mentre mi allontanavo...
Io non ho risposto e continuavo ad allontanarmi...
Dopo un po lo sento arrivare correndo...
-Nice to meet you..- mi dice lui avvicinando la sua mano per salutarmi -my name is Evandro-
-i'm Anna..-risposi io mentre continuavo la mia passeggiata e davo a lui la mano
-sei sola?..-mi chiese lui
-lo ero, finchè sei arrivato tu..-
-dove è il tuo albergo?-
Ho spiegato a lui dove era l'albergo e poi lui è stato chiamato dal suo collega che era sempre vicino al gommone...
-Nice to meet you..arrivederci!..-mi dice lui andandosene e girandosi a guardarmi il sedere..

A quel punto ero caldissima ma decisi di continuare la mia passeggiata...

Camminai altra mezz'ora e poi decisi di tornare indietro...Il caldo si faceva sentire, allora decisi di togliermi la felpa, ma il reggiseno era troppo evidente che non era parte di un costume ma intimo, e quindi per evitare sguardi stranni, mi sono sdraiata pancia in giù nella sabbia e mi sono tolta il reggiseno rimanendo sdraiata con il sedere verso il sole...

Non ero preparata, non avevo nè la crema protettiva nè niente da leggere e mi annoiavo, allora, mi sono rimessa reggiseno e felpa e sono ripartita tornando indietro verso l'albergo.

Prima di uscire dalla zona di sabbia mi sono rimessa i pantaloni e le scarpe...anche se avevo caldo...
Arrivata nella mia stanza, ho per fortuna telefonato ai miei figli e quindi la mia giornata era più alegra..
Dopo essere sicura che tutto stava bene con i miei bimbi, mi sono spalmata la mia crema dappertutto, poi ho indossato la microbikini e sopra un pantaloncino aderente e una maglietta leggera e sandali di quelle che si allaciano alle caviglie. Poi misse nella mia borsa il telo di mare, la crema protettiva e la mia Vanity fair...e sono ripartita verso la spiaggia. Erano già circa le 11, e quindi la spiaggia era già più popolata e le donne erano tutte con il seno coperto...
La zona di spiaggia davanti alla strada verso l'albergo, non mi piaceve ganchè; allora decisi di andare un po verso sinistra, e quindi verso dove avevo camminato prima...
Una volta trovato il posto, sono rimasta in microbikini e mi sono sdraiata sul mio telo a prendere il sole mentre leggevo la mia Vanity...

Meno di un'ora dopo la spiaggia era piena..anche se ero pancia in giù mentre leggevo appoggiata nei miei gomiti, vedevo che gli uomini continuavano a girarsi verso di me per guardarmi...e quindi scoppiavo della voglia di farmi scopare subito...

Mentre leggevo mi sono distratta e dopo circa un quarto d'ora sento che avevo una persona in piedi alla mia destra...mi sono girata per guardare, e ho visto a Evandro, con due bicchieri in mano..

-ciao ragazza italiana..-mi salutò lui sorridendo..

(Da ora in poi scriverò solo in Italiano, lui si comunicava mischiando Italiano e inglese...)

-ciao..che sorpresa.., grazie..-dissi io prendendo il bicchiere che lui mi allungava...
-non sapevo cosa ti piaceva, e quindi ti ho portato una spremuta..-
-sei carino, grazie..-risposi io..-vieni siediti..-lo invitai a sedersi al mio fianco appoggiando la mano sulla sabbia alla mia destra..
-cosa fai di queste parti?-gli chiesi io -tu lavori più lontano-continuai io segnalando verso sinistra.
- Sapendo dove era il tuo albergo, sono venuto a cercarti di queste parti.., tanto di la ce il mio collega ed il mare oggi è tranquillo-
-si, certo, capisco...e quindi tu sei venuto a cercarmi..-risposi io, già a quel punto ero disperatamente posseduta da un calore difficile da controllare...
-beh, sei andata via, non mi hai lasciato parlare, e raccontarti...insomma..-
-raccontarmi?..cosa?.-
-insomma, non so...parlare...va beh, io te lo dico, vuoi venire stasera in discoteca?..-
-sono a piedi...non saprei nemeno dove è-
-ti portiamo noi..non preoccuparti..-
-Noi?..-chiesi io
-si, beh non te l'ho detto, siamo 3 amici, io e Paulo in quella spiaggia che ci hai visto, e Juan Josè che è Paraguaiano è ancora più lontano...stiamo insieme in una casa in affitto non lontano da qui..-
-ah, avete affittato una casa in zona..-
-si, è una casa per 6 persone, è un pò brutta e vecchia, ma cosa vuoi, andiamo solo a dormire...non ci cuciniamo neanche...-
-beh, non sapete cucinare o non volete farlo?-chiesi io
-mangiamo fuori, chi si ferma a cucinare?!..-mi disse lui
-se vi va posso venire un giorno e cucinarvi io..-rispondo io ridendo...e anche bagnandomi tantissimo
-lo faresti?..-
-beh, non lo so, dovrei far la spesa prima...dai, vediamo, mi fermo qui 15 giorni, vedremo..-
-15 giorni? figo...ma sei sola? dico nella vita...-
-sono sposata, ho due figli stupendi, un maschio e una femmina-
-beh, anche noi tre siamo sposati..-mi risponde lui...e le nostre mogli sono lontano..
-anche mio marito per quello..-gli risposi io raddopiando la scomessa

A un certo punto ero bagnatissima e mi sentivo scomoda..allora gli dissi mentre mi mettevo in piedi..

-Io vado a farmi un bagno, vieni?..-
-dai andiamo..-

Siamo entrati in mare poco a poco...e lui..

-lo sai che il tuo corpo bagnato è ancora più bello..-
-grazie..-gli dissi io - ma fai attenzione che con quei costumini piccoli l'erezione si capisce subito...-continuai io sorridendo...

Siamo entrati dentro fino a rimanere solo con la testa fuori...

A un certo punto lui spara..

-hai ragione sul costumino...meno male che sono coperto dal mare fino al collo...perchè dopo ciò che mi hai detto sono diventato durissimo...-
-allora dai, nuotiamo-risposi io allontanandomi a nuoto
-vieni qui..-mi dice lui prendendomi da un piede-...non andiamo da nessuna parte..., sai come si dice da noi?..-
-come?..-rispossi io rimettendomi in piedi
-se ti porti la ragazza dentro il mare, te la porti al letto!.-
-e quindi mi vuoi portare al letto..-risposi io già scoppiando..pensavo..meno male che sono al mare..perchè stavo quasi venendo dopo il suo avance...
-beh, così si dice da noi...-
-ok, portami...-gli dissi io avvicinandomi a lui già completamente fuori controllo
-dici sul serio?...-mi chiede lui
-cosa credi?..-gli chiedo io uscendo dall'acqua...
-ma in queste condizioni non posso uscire dall'acqua..-mi diceva lui..facendomi capire di avere una erezione notevole
Io continuavo ad allontanarmi tornando verso il mio posto..
Mentre mi asciugavo e mi facevo il codino nei capelli ho sentito a lui avvicinarsi da dietro
-allora?..-gli dissi..-aspetta che mi asciugo bene..andiamo da te?..-
-si, ma..-
-ma cosa- risposi io - cosa si supone che avrei dovuto fare, scappare?..-
-no, è che non sono abituato.-
-dai smettila.., portami da te..-gli risposi mentre sistemavo le mie cose e mi vestivo...
-torno subito..-mi rispondi lui allontandosi verso le sue cose...
Intanto che mi avvicinavo verso di lui, vedo che mi fa il segno con la mano per raggiungerlo mentre indossa uno short, una maglietta e le infradito

Mentre iniziavamo a camminare lui continuava..

-sono un pò aggittato, scusami...-
-anche io, molto...-

Io ero letteralmente disperata della voglia di sentirlo dentro...di sentirmi dominata, penetrata..

e lui..

-posso farti un piccolo filmato?..-
-adesso?..-
-no, quando arriviamo da me..-
-se, se ti piace.., tanto mi hai già visto..-
 Ecco arrivati, mi dice lui dopo circa 200 metri...
Siamo entrati, era una casa molto vecchia, abbastanza rovinata, molto grande..
-Lo vedi?..-mi dice lui-è grande per noi 3..-
-si, vedo..dov'è la stanza con il letto grande?-risposi io già scoppiando...
-sulla destra..di la..-mi dice lui segnalando la porta..
-ok, prepara la videocamera e vieni..-gli dissi io pensando a uno striptease da farlo letteralmente impazzire...
-ecco apposto...-mi dice lui iniziando a riprendermi mentre entravo nello stanzone


video




-Oddio!!..-diceva lui
-ti piace?..-chiedevo io -cosa mi faresti?..-
E così mi sono tolta del tutto i pantaloncini e mi sono girata togliendo la videocamera dalle sue mani e lasciandola sul letto
-voglio lui tesoro..-gli dissi ancora io segnalando il suo cazzo
Lui si è avvicinato al letto lasciando fare a me..
Avevo davanti a me tutto lui, era tutto per me...gli tirai giù lo short e mi sono accorta perchè non voleva uscire dal mare con il cazzo duro...era enorme!. Il costumino del tipo slip non riusciva a contenerlo...ero completamente bagnata e non vedevo l'ora di avere tutto quel cazzone in bocca e dentro..
Senza attendere gli tolsi il costumino ed è venuto fuori il suo gran cazzone, era almeno di 22 o 23 cm, lungo e molto largo..ero impazzita...fuori controllo, allora  cominciai a succhiarlo disperatamente mentre sentivo a lui tirare la testa indietro...
Per la prima volta non riuscivo a mettermi tutto un cazzo dentro la bocca...anche se soffocavo, ancora c'era mezzo cazzo fuori...

-oh, you are the best!!...-mi diceva lui mentre io cercavo di fargli un pompino che lo faccesi venire

Lui poi rendendosene conto della mia disperazione mi prese dai capelli e iniziò a spingermi verso di lui facendomi soffocare ancora di più ad ogni spinta...iniziava a trattarmi male e mi piaceva molto..avevo già delle lacrime negli occhi da come soffocavo...

-suck, suck, honey..suck.- continuava lui mentre io ero nel settimo cielo e continuavo a soffocare...
-fuck me!..-gli dissi io guardandolo agli occhi quando capi che il cazzo era durissimo...
A quel punto lui sempre in piedi dietro il letto mi prende dai fianchi portandomi indietro e spostando la mutandina del micorbikini mi penetrò la figa profondamente

A quel punto mi è uscita fuori la donna italiana...non vedevo più ne riuscivo a pensare...avevo tutto il suo cazzone dentro che mi spingeva...
-si! si, tesoro...scopami..si!!..-
-i'm fucking you...you like it?-diceva lui
-si amore..sei fantastico....scopami...sbattimi, si...-
Come se lui avesse indovinato i miei desideri iniziò a darmi degli schiaffi nelle chiappe, prima dai fianchi, e poi ogni volta che si faceva indietro per ripenetrarmi, mi dava forti schiaffi che mi facevano davvero male nelle chiappe...stavo letteralmente impazzendo mentre lui continuava a scoparmi in maniera violenta...
Dopo circa 10 minuti che mi scopava la figa in maniera strepitosa...senza dire nulla, è uscito...con le mani mi apri le chiappe e fecce uno sputo che cadde vicino al bucco del culo...

Avevo già capito la sua intensione e quindi lasciai fare...

Lui sputò 3 o 4 volte e poi con il suo police ed il maggiore, aprendomi il buco del culo e con le mani tenendomi separate le chiappe, sembrava avere una certa esperienza nel fare il sedere...sicuramente consapevole della misura del suo cazzo voleva farlo nel modo migliore...
Così è stato per circa 5 minuti....finchè mi fecce capire che dovevo sdraiarmi nel letto e tenere le gambe aperte...sempre con il sedere verso di lui...
Ho sentito a lui sputarsi anche lui sul suo cazzo e poi mi si è appoggiato da dietro iniziando a penetrarmi entrambi sdraiati..
Aveva ragione, al inizio era come sempre...ma poi quando sentivo che il cazzo continuava a entrare iniziava a farmi un pò male...
A quel punto portai la mano nel suo cazzo e nonostante sentivo un misile che mi spaccava il sedere ho capito che c'erano ancora almeno 5 centimetri che restavano fuori...
Lui era intensionato a metterlo tutto...e anche io..allora mi prende dalle gambe facendomi capire di chiuderle e lui si spinge un po più su e venendo avanti sulle mie chiappe apre le gambe e mi penetra fino in fondo...Io stringevo i denti...ma dovevo essere una regina anche se mi faceva molto male..
Nessuno dei due diceva nulla, eravamo entrambi nel settimo cielo...godevo come una porca e avevo il suo cazzo interamente dentro...

Lui era fermo...restava lì, senza muoversi...con tutto il suo cazzo dentro del mio sedere che lo conteneva a fatica...

-Sono tutto dentro...-mi dice lui..-sono riuscito..-ne hai un culo da favola....-
Io non rispondevo, non avevo neanche energia per dire nulla, tutto il mio corpo si concentrava a sopportare il suo enorme cazzo dentro..
Allora lui mi prende dai capelli alzandomi la testa..
-ti piace come ti violento troia?-..
-si! molto!..-
Allora lui iniziò a muoversi violentamente sù e giù schiaciandomi a ogni colpo contro il materasso..
-adesso si posso prenderti come voglio io troia...sei la mia puttana..-mi disse lui togliendo il cazzo fuori e alzandomi per farmi mettere a pecorina..
Ancora una volta sputò nel bucco e poi invece delle dita mi bagnò tutto il bucco con il glande...
Poi poco a poco mi penetrava aprendomi le chiappe con le mani finchè con la mia mano toccandolo ho capito che era quasi tutto dentro...
-che culo mi sto scopando, mio dio!..-diceva lui..
Io non riuscivo a parlare mentre lui dopo che è rimasto fermo per un paio di minuti iniziò ad andare avanti e indietro facendomi impazzire ad ogni colpo..
-troia...troia...troia...ti piace il mio cazzone??...ce l'hai tutto dentro troia...ti sto spaccando il culo..dimmi che ti piace e che vuoi ancora..-
-vo glio an co ra.!.-riuscivo a dire io mentre lui infatti mi spaccava il sedere..
-di a tuo marito come ti sto facendo il culo puttana..diglielo..-lui continuava come se volesse davvero farmi male...ma io non risucivo a parlare...
-ne vuoi ancora puttana?..-
-si, si...-risucivo a dire...
A quel punto ancora una volta mi prende del codino sui capelli e continua..
-prendilo tutto puttana...sei troia....-
-si, so no la tua pu tta na..!.- ancora facevo fatica a contenere la sua violenza..
-vengo vengo....ahhhhhhh..-mi disse lui venendo..mentre io ero forse al decimo orgasmo...
Mentre veniva mi teneva dai fianchi e mi sfondava mentre sentivo il suo liquido caldo salire al mio interno...ma dopo di venire, non si è fermato..continuando a incularmi per altri 10 minuti circa...mentre continuava a insultarmi...

Poi è uscito e girandomi mi fecce capire che dovevo sdraiarmi sul letto pancia in su...e iniziò a leccarmi la figa..facendomi venire altre 3 volte...a quel punto lo amavo e non volevo più smettere di stare con lui...

Siamo stati ancora un po sdraiati sul letto mentre io avevo la mia mano sinistra sul suo cazzo facendoli carezze e coccole..

Poi lui mi disse che doveva rientrare a sostituire il suo collega.

-tu devi andare, posso farmi una doccia io?..-gli chiesi..
-certo..sai dove trovarmi, poi chiudi e portami la chiave...perchè non possiamo lasciare aperto che da fuori si entra facilissimo..-mi dice lui buttandomi la chiave sul letto...

Lui è partito e io mi sono fatta la doccia e poi mi sono cambiata e sono andata via...sotto la doccia con le dita provai a capire come avevo il sedere, ed era davvero spalancato...

E' stato davvero bellissimo l'incontro con lui... ma ancora non era finito e avevo una ulteriore sorpresa...